Firenze e la Fiorentina, quanti dolci ricordi. Domenica una sfida a colpi di assenze, ma quando il Parma vede viola...

01.11.2019 22:28 di Alessandro Tedeschi Twitter:    Vedi letture
Firenze e la Fiorentina, quanti dolci ricordi. Domenica una sfida a colpi di assenze, ma quando il Parma vede viola...

Basta solo pronunciare il nome del Franchi di Firenze che la mente torna a giugno 2017, quando il Parma nel giro di cinque giorni giocò due partite da cardiopalma nella final four playoff di Serie C. Prima il Pordenone, partita thriller con polemiche all'ultimo secondo per un mancato rigore concesso ai veneti, e poi risolta solo ai calci di rigore con l'ultimo calciato da Capitan Lucarelli, poi l'Alessandria, per la partita che regalò al Parma il ritorno in Serie B a due soli anni dal fallimento. 

Ma non solo, nella breve nuova vita del Parma il Franchi ha regalato un'ulteriore gioia: l'anno scorso, era Santo Stefano, il 26 dicembre, quando il Parma espugnò Firenze con una rete di Inglese. I crociati si presero tre punti importantissimi in ottica salvezza. Quella stessa salvezza che il Parma ottenne matematicamente cinque mesi dopo proprio contro la Fiorentina al Tardini, in una partita risolta nei minuti finali da una punizione di Scozzarella che fece esplodere il Tardini.

Domenica il Parma vuole aggiungere un altro tassello alla collezione di gioie viola, in un momento di estrema difficoltà dettato dalle assenze. Rientrerà Scozzarella, ma la coperta rimane corta. Di certo i crociati si possono consolare pensando alla Fiorentina: sarà infatti una sfida ad armi pari viste le tante defezioni importanti tra le fila gigliate. Ribery, Pezzella e Caceres: tre titolarissimi nella Fiorentina di Montella. E considerando che il tecnico viola ha schierato per sei partite consecutive lo stesso undici iniziale, si può facilmente intuire quanto peseranno le numerose assenze. Appuntamento a domenica, per una nuova pagina della storia crociata al Franchi, contro la Fiorentina.