Da sosta a sosta, che bel Parma! Ora la parola chiave deve essere continuità

15.11.2019 22:18 di Alessandro Tedeschi Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Da sosta a sosta, che bel Parma! Ora la parola chiave deve essere continuità

Era il cinque ottobre quando il Parma si presentò a Ferrara fornendo la peggiore prestazione dell'anno, appena prima della sosta per le nazionali. Da allora cinque partite prima della nuova sosta in cui i crociati hanno mostrato progressi evidenti sia sotto l'aspetto della personalità che sotto l'aspetto del gioco. Due vittorie casalinghe contro Genoa e Roma in due match che definire entusiasmanti è riduttivo, due pareggi esterni contro Inter e Fiorentina, non certo roba poco, ed una sola sconfitta, contro l'Hellas Verona, in una situazione di estrema emergenza e giocando una partita all'attacco nella quale solo la sfortuna non ha permesso ai crociati di raggiungere il pareggio.

Ora, trovata la quadratura, il Parma deve mettersi in testa una sola parola: continuità. Troppe volte ha fallito l'esame di maturità negli ultimi anni e troppe volte il salto di qualità è stato rimandato. Ora tutti i tasselli sembrano essere al loro posto ed i crociati dovranno continuare a mettere in mostra l'attenzione e la voglia di raggiungere il risultato messe in mostra nell'ultimo mese per evitare bruschi cali di attenzione come quelli mostrati nel girone di ritorno della scorsa stagione. 17 punti finora sono un bel bottino, da incrementare nelle prossime giornate, a partire da Bologna.

Continuità sotto l'aspetto mentale. Continuità nell'attenzione tattica. Continuità sotto il livello del gioco. Una sola parola: continuità.