I "casi" Gervinho e Kurtic, ma anche una squadra che mostra di crederci. E un progetto che guarda oltre la retrocessione

22.02.2021 23:55 di Simone Lorini Twitter:    Vedi letture
I "casi" Gervinho e Kurtic, ma anche una squadra che mostra di crederci. E un progetto che guarda oltre la retrocessione
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

I poco edificanti casi Kurtic e Gervinho, lasciati da parte in rifinitura, poi convocati e infine spediti in tribuna per un comportamento poco cattivo in allenamento, sono l'ulteriore sintomo di una squadra malata, in cui lo staff tecnico fatica a far remare tutti nella stessa direzione anche a causa di alcune divisioni interni di cui purtroppo abbiamo già parlato. La novità vera è che la squadra sembra crederci, o almeno vuole provare a dare un senso a questo finale di stagione, anche se la classifica si fa sempre più brutta e alcune amnesie difensive sembrano un incubo senza fine. Inutile andare a cercare colpevoli nei singoli, anche perché chi davvero si sente esente da colpe nella stagione 20/21, dovrebbe farsi un esame di coscienza. Ora pensiero alla Spezia e all'inserimento sempre più necessario di forze fresche in una squadra con tanta stanchezza "psicologica". 

Intanto Krause, tornato a Parma in settimana, ci ha tenuto a ribadire che il progetto ducale guarda oltre: sono arrivate rassicurazioni sul progetto stadio e sull'impegno della famiglia, intenzionata a farsi perdonare un primo anno assolutamente sciagurato sotto diversi aspetti, in cui di certo non ha lesinato impegno finanziario e non solo. La ciambella è venuta piuttosto bruciacchiata, senza buco e con retrogusto amarissimo. Quello di una retrocessione che purtroppo si avvicina ad ogni domenica. Ma come già scritto, il presidente è al lavoro per un futuro molto diverso, con due figure, un amministratore delegato di tipo corporate e un nuovo direttore sportivo/generale che si occupi appunto della scelta degli uomini di campo, che appare davvero dietro l'angolo. Dalla scelta di queste due figure, assolutamente prioritaria, passerà tanto del futuro del club e la caratura dei nomi che arriveranno dirà tanto sulle ambizioni della proprietà americana.