Un ritorno alla normalità che non sarà normale: il mese clou del campionato a porte chiuse

06.03.2020 22:28 di Alessandro Tedeschi Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Un ritorno alla normalità che non sarà normale: il mese clou del campionato a porte chiuse

Domenica torna la Serie A. Torna in modalità ridotta con solo alcuni match in programma, quelli sospesi la scorsa settimana. Torna a porte chiuse, senza il calore del pubblico. E con l'incognita che anche un solo caso di positività al coronavirus possa fermare l'intero movimento. Ma tant'è, per provare a portare a termine il campionato l'unica possibilità è quella di disputare a porte chiuse le prossime gare e tenere monitorata la situazione. I tempi sono stretti tra competizioni europee, soste per le nazionali e Campionati Europei ad inizio giugno.

Sarà un tentativo di ritorno alla normalità nel mondo del calcio, con la Serie A che prova a non fermarsi: un weekend di prova, con sei match, in attesa che dalla settimana prossima si riparta con una giornata intera. Rimane però difficile chiamare normale un campionato che per un mese vedrà i match disputarsi solo a porte chiuse, senza il pubblico a dare calore e colore agli stadi. Sarà un mese "freddo", atipico, in tutta la Serie A. Un mese in cui il Parma affronterà, anche se il calendario ancora è da confermare, SPAL, Genoa, Torino ed Inter. 

Con SPAL ed Inter si giocherà al Tardini, nella casa crociata, mentre con Torino e Genoa i crociati giocheranno in trasferta, in stadi deserti. E servirà la massima concentrazione ed una capacità mentale non indifferente per giocare in un clima surreale, che la maggior parte dei giocatori non ha mai vissuto. Ma questa è l'unica strada percorribile, quindi non resta che attendere e "goderci" davanti agli schermi questo mese particolare e, speriamo, irripetibile.