Chi lascia la via vecchia per la nuova

07.09.2021 23:27 di Niccolò Pasta Twitter:    vedi letture
Chi lascia la via vecchia per la nuova
© foto di Image Sport

Chi lascia la via vecchia per la nuova. No, non c'è errore, seppure sia palese manchi un pezzo importante del titolo originale della commedia di Giuseppe Giacosa, diventata poi uno dei modi di dire più comuni del nostro italiano. “Sa quel che lascia, e non sa quel che trova”, dovrebbe essere la conclusione ma ragionando su quella che potrà essere la nuova difesa targata Enzo Maresca è giusto così, lasciare tutto in sospeso, in attesa di capire ciò che realmente accadrà.

Dopo un mercato molto movimentato, ecco che, senza Yordan Osorio, Maresca avrà l’opportunità di ridisegnare da zero la nuova retroguardia del Parma, dopo che rispetto alla scorsa stagione sono solo quattro i superstiti: Valenti, lo stesso Osorio (infortunato), Zagaritis e Maxime Busi. Con lo stop del venezuelano, si aprono le porte per una retroguardia al 100% nuova per la sfida contro il Pordenone, in attesa di capire la posizione di Lautaro Valenti: l’esclusione contro il Benevento ha fatto rumore, soprattutto per l’inserimento dall’inizio di un Cobbaut, poi perfetto per novanta minuti, ma sorprendentemente in campo dopo l'arrivo di soli due giorni prima in Italia. L'argentino doveva essere uno dei punti di ripartenza del Parma, ma tra la partita con il Frosinone e quella con il Benevento non ha mai trovato il campo. 

Possibile dunque che per la partita di domenica Maresca scelga per quattro volti nuovi su quattro. Delprato è ormai il padrone del ruolo terzino-centrocampista, Cobbaut difficilmente uscirà e senza Osorio potrebbe esserci spazio per Danilo. Rimane l'incognita terzino sinistro: chance per Coulibaly o nuovamente Busi? O addirittura Coulibaly a destra con Delprato centrale e Cobbaut terzino sinistro? Interrogativi che al momento non possono avere risposta ma che sicuramente faranno sorridere Maresca, che così come in attacco anche in difesa può contare su una rosa profonda, che lo andrà a mettere in difficoltà ogni settimana. Con la speranza che le sue scelte siano sempre le più azzeccate.