Il nodo legato al rinnovo di Man non deve preoccupare, il club saprà come muoversi. Ora testa al campo: a Como per dare un altro segnale forte

22.02.2024 00:00 di Rocco Azzali   vedi letture
Il nodo legato al rinnovo di Man non deve preoccupare, il club saprà come muoversi. Ora testa al campo: a Como per dare un altro segnale forte

Nelle ultime ore si sono intensificati i rumors riguardo il discorso legato al rinnovo di contratto di Dennis Man con il Parma. Come riportato dalla nostra redazione nella giornata di ieri (clicca QUI per leggere l'articolo di ParmaLive.com) è reciproca la volontà del ragazzo con quella del club di proseguire insieme anche in vista del prossimo futuro. Nonostante l'accordo che lega il rumeno classe '98 alla società ducale non sia imminente alla scadenza - il cui termine porta la data del 30 giugno 2025 - nel calcio di oggi è sempre meglio muoversi con largo anticipo in queste delicate situazioni, soprattutto se coinvolgono pezzi pregiati della rosa che potrebbero ingolosire altre squadre. Proprio come nel nostro caso, ad esempio, dato che Man sta vivendo la sua miglior stagione da quando è arrivato in Italia ed i riflettori, su di lui, sono ormai accesi da tempo. Malgrado le parole di Victor Becali, agente dell'attaccante gialloblù, rilasciate proprio quest'oggi ai microfoni di AntenaSport - e che potrete rileggere nel link al termine del paragrafo - allontanino almeno momentaneamente un possibile prolungamento del contratto del suo assistito con il Parma, il presidente Kyle Krause ed il suo entourage dirigenziale hanno dimostrato di sapersi muovere con lungimiranza e previdenza in tal senso. I rinnovi dei vari Edoardo Corvi, Ange-Yoan Bonny, Alessandro Circati, mister Fabio Pecchia, Simon Sohm, Adrian Bernabé, del giovane Anas Haj e di capitan Enrico Delprato - oltre che dei più "navigati" Leandro Chichizola, Cristan Ansaldi, Hernani e Yordan Osorio - testimoniano quanto sopra, per cui il tema riguardante Dennis Man sarà senz'altro trattato al momento debito e con il tempismo che richiederà la questione.

LEGGI QUI: L'agente di Man frena sul rinnovo: "Non c'è ancora nulla"

Tornando al calcio giocato, questo sabato, in occasione della ventiseiesima giornata del campionato di Serie B, si consumerà il secondo, se vogliamo, match-point del girone di ritorno, dopo lo la sfida contro il Venezia vinta dai crociati. Al "Sinigaglia" di Como la formazione ducale si troverà di fronte una compagine lariana ferita dopo il sonoro ko di Palermo che ha visto i rosanero trionfare per 3-0 su quella che - a detta di molti - è stata la squadra della cadetteria che più si è rinforzata nel corso della sessione invernale di calciomercato. Gli uomini di Pecchia, ora in testa alla classifica con 8 lunghezze di vantaggio sulla Cremonese seconda, non potrà permettersi di abbassare la guardia dopo i tre successi consecutivi maturati nelle ultime giornate. È proprio ora che servirà spingere sull'acceleratore, senza compiacersi oltremodo - nonostante i risultati conseguiti sin qui lo concederebbero - e mantenendo alta la concentrazione in vista delle prossime tredici - forse interminabili - gare. Gli strumenti e le basi per proseguire la rotta intrapresa ci sono tutti e siamo convinti che l'ambiente gialloblù farà sentire il proprio calore anche lontano dal "Tardini" per continuare a sognare in grande, dando un ulteriore segnale forte al campionato.

RILEGGI ANCHE: Terza vittoria consecutiva, lo strappo dei crociati può già esser decisivo: ora big match con il Como, per mettere un piede in Serie A