*Rewind Parma 2016* - 19/11: Parma-Padova 1-4, il crollo crociato e l'esonero dello staff tecnico

26.12.2016 09:26 di Nico D'Agostino  articolo letto 207 volte
© foto di Giovanni Padovani
*Rewind Parma 2016* - 19/11: Parma-Padova 1-4, il crollo crociato e l'esonero dello staff tecnico

Ottimo inizio del Parma, che mostra una grande verve e si rende subito pericoloso con Calaiò bravo a sfruttare alla perfezione un pasticcio difensivo tra Emerson e Bindi per il vantaggio ducale. Neanche il tempo di festeggiare che anche il portiere ducale Zommers si produce in un infortunio difensivo, non bloccando una palla in uscita bassa e consentendo all'accorrente Altinier di batterlo con un delizioso pallonetto. Il Parma incassa il colpo e dopo pochi minuti va addirittura sotto: altro gigantesco errore della retroguardia gialloblù che consente ancora ad Altinier di presentarsi solo davanti a Zommers ed insaccare il gol del vantaggio ospite. Il Padova fa paura ogni volta che entra nella trequarti ducale e trova il terzo gol in mischia in area con Mazzocco, il Parma va in bambola e si salva più volte dal quarto gol, ma solo per poco, perché la rete ospite arriva lo stesso. Ancora un'uscita sbagliata di Zommers (su cui forse c'era fallo) e Russo raccoglie di testa un cross su punizione di Dettori trafiggendo il portiere lettone: 1-4! 

CLASSIFICA: Reggiana 27, Sambenedettese 27, Bassano 26, Venezia 26, Padova 25, Parma 25, Gubbio 25, Pordenone 24, FeralpiSalò 21, Albinoleffe 20, Santarcangelo 16, Südtirol 14, Lumezzane 13, Fano 13, Ancona 12, Modena 11, Maceratese 11, Teramo 10, Mantova 9, Forlì 8.

Minotti: "Sono venuto io, perché i giocatori sono molto amareggiati, hanno accusato molto il colpo. E' giusto che rimangano in silenzio e riflettano su questa gara. Nessuno di noi si aspettava un epilogo del genere oggi, però nel calcio si devono accettare anche le sconfitte. Noi dobbiamo analizzare gli errori e il motivo per cui li commettiamo. I giocatori hanno chiesto di poter rimanere in silenzio, è comprensibile".
Apolloni: "La differenza l'ha fatta chi ha segnato e chi no. Abbiamo giocato bene nella prima parte mettendoli in difficoltà ma non abbiamo sfruttato tutte le occasioni".

Poche idee, equivoci tattici e moltissima confusione è quello che anche oggi il Parma offre ai suoi sostenitori dopo la clamorosa sconfitta casalinga contro il Padova. Criticato nuovamente dopo il mezzo passo falso di Macerata, Luigi Apolloni sorprende ancora con le sue scelte nella formazione che affrontava il Padova oggi pomeriggio al Tardini. Il risultato è la terza sconfitta casalinga ed un ridimensionamento nelle ambizioni che si tradurrà con l'esonero in blocco dell'intero staff dirigenziale da lì a poche ore.