Parma-Cosenza 1-1, la notte degli errori costa due punti: rosso a Balogh, Man si divora il gol vittoria

27.02.2024 22:23 di Niccolò Pasta Twitter:    vedi letture
Parma-Cosenza 1-1, la notte degli errori costa due punti: rosso a Balogh, Man si divora il gol vittoria

Diluvia sul Tardini ma il Parma esce con un nuvoloso 1-1 contro il Cosenza, che ai punti forse meriterebbe qualcosa in più. Una gara mal giocata dalla squadra di Pecchia, che la sblocca subito con Cyprien ma viene ripresa sul finire del primo tempo da Camporese, concedendo però tante occasioni ai calabresi. Un palo di Calò ad inizio ripresa, poi il rosso a Balogh e l'occasione più grande della partita per gli uomini di Pecchia, sul sinistro di Man, che colpisce però la traversa. Il Parma si salva e rischia addirittura di vincere, ma alla fine esce dal Tardini con un punto, che avvicina l'obiettivo Serie A. 

Subito Cyprien: un lampo sotto la pioggia
Niente Bernabé, niente Sohm, Pecchia rispolvera Cyprien e costruisce la mediana con il francese ed Hernani, complice anche l’assenza per squalifica di Estevez. Senza il 10 spagnolo c'è spazio in attacco per Partipilo, che gioca nel tridente con Man e Mihaila alle spalle di Benek, confermato 9 dopo il gol a Como, mentre in difesa c'è Osorio al fianco di Balogh, ma non Delprato, a cui viene preferito Coulibaly. Nel Cosenza occhi puntati sull’ex Tutino, il vero trascinatore della squadra di Caserta, seguita da oltre 130 tifosi al Tardini. Si prospetta una gara complessa per il Parma, su un campo pesante che ha assorbito la tanta pioggia della giornata, ma dopo nemmeno due minuti ecco che le partenze sprint crociate tornano protagoniste. Questa volta l’attore principale è Wylan Cyprien, l’osservato speciale della serata, che dopo una respinta al limite dell’area della difesa cosentina si coordina e lascia partire un destro al volo fantastico, che non lascia scampo a Micai e porta il Parma avanti. Sono passati appena 80 secondi e il Parma è già avanti.

Reazione Cosenza: pari meritato
Il Cosenza cerca subito la reazione: Tutino tenta un tocco morbido e non trova la porta, poi è il turno di Marras, ma a sua volta non è fortunato. Il Parma risponde ancora con un tiro da fuori di Man che esce di poco, poi ci prova ancora Cyprien ma viene rimpallato. La sfida scorre, con il Cosenza che preme sempre più sull’acceleratore, trovando sul finire del primo tempo il meritato pareggio: calcio d’angolo battuto al centro dell’area, Benedyczak si perde Michele Camporese che incorna e non lascia scampo a Chichizola. È l’1-1, il giusto premio per la squadra di Caserta che crea e alla fine punge. E sfiora anche la rimonta, visto che proprio negli ultimi istanti del primo tempo Chichizola esce malissimo e Tutino per poco non ne approfitta, colpendo il palo esterno. È l’ultimo sussulto del primo tempo, che si chiude con un risultato di parità.

Il Cosenza ad un passo dall'1-2
La ripresa si apre con un cambio nel Parma, con Pecchia che inserisce Camara per uno spento Partipilo. Ma il trend di fine prima frazione prosegue anche nella seconda, con un Parma che aspetta e un Cosenza che preme sull'acceleratore. Dopo dieci minuti dall'inizio del secondo tempo i calabresi sfiorano il vantaggio con Calò, che su punizione colpisce in pieno il palo, con il Parma graziato da una respinta fortunosa. Poco dopo è Tutino da due passi a sbattere contro Chichizola, dopo un cross dalla sinistra. Pecchia corre ancora ai ripari, inserisce Bonny e Delprato per Mihaila e Di Chiara, e il Parma torna in partita. Cyprien sfiora la doppietta ma Micai vola e nega il 2-1, poi arrivano i cambi anche per il Cosenza, che inserisce Mazzocchi per Voca e Florenzi per Marras. Ma la partita del Parma si complica ulteriormente, per un cartellino rosso. 

Rosso a Balogh, Man si mangia il gol vittoria
A metà ripresa la gara inizia ad innervosirsi. Benedyczak rischia tantissimo per un fallo di reazione su Antonucci, poi passa un minuto e l'arbitro ammonisce Balogh per un intervento molto ingenuo. È il secondo giallo, che costa il rosso all'ungherese quando mancano più di quindici minuti alla fine della partita. Pecchia corre ai ripari, toglie Camara per inserire Circati, ma il Cosenza continua a premere, lasciando però spazi. E proprio in uno di questi spazi Hernani prende palla, apre per Man che entra in area, ma solo contro Micai si divora il gol vittoria, colpendo in pieno la traversa. Un errore incredibile a dieci minuti dalla fine, che il Cosenza replica all'ultimo secondo del match, con Tutino che scivola sul pallone a porta vuota da tre metri e grazia il Parma. Finisce così, con un pareggio.