Giuseppe Iachini, voto 5,5: il suo Parma gioca, ma l'obiettivo è fallito

15.05.2022 23:09 di Niccolò Pasta Twitter:    vedi letture
Giuseppe Iachini, voto 5,5: il suo Parma gioca, ma l'obiettivo è fallito
© foto di ParmaCalcio1913

Il campionato di Serie B è finito ormai da una settimana e mentre impazzano le lotte playoff e playout, per il Parma è già il momento di bilanci: tutti avrebbero voluto farli con il naso all'insù, pensando a programmare il ritorno in Serie A, ma la stagione ha avuto esiti molto diversi rispetto alle attese e oggi ci si trova a pensare alla seconda annata in Serie B. Come ultimo atto di analisi della stagione appena passata, ecco le attese pagelle del campionato appena trascorso, da chi ha seguito la squadra crociata in ogni sua uscita. 

Il Parma torna presentabile, ma anche l'obiettivo minimo viene fallito
Beppe Iachini subentra ad Enzo Maresca a fine novembre, dopo il pareggio dei crociati contro il Cosenza. La stagione è iniziata da un paio di mesi, i crociati sono partiti male ma se l'obiettivo promozione diretta sembra ormai sfumato, ecco che la zona playoff è ancora a portata di mano, distante una manciata di punti. Con Iachini in panchina, seppure con un inizio balbettante, il Parma torna squadra, se la gioca con quasi tutte le avversarie ma fallisce sempre l'occasione della svolta, nonostante ad un certo punto si arrivi ad una lunga striscia di risultati positivi. Fa crescere diversi giocatori, da Delprato a Juric, passando per i giovani lanciati come Circati, Turk, Sits. Valorizza un Man che sembrava perso, scomette sul fenomenale Bernabé a cui disegna un ruolo diverso, ma non riesce a raggiungere nemmeno l'obiettivo minimo, complici anche i tantissimi infortuni che incidono nella fase fondamentale della stagione. 

VOTO 5,5

L'apice: la vittoria di Alessandria che sembra poter svoltare la stagione
Nel corso dei sei mesi in panchina, il Parma di Beppe Iachini compie diversi passi in avanti, che portano anche ai nove risultati utili consecutivi, tra marzo e aprile. Ma la partita che sembra svoltare l'annata è quella di Alessandria, proprio nel finale del 2021: i crociati vincono comodamente contro i piemontesi - non un avversario poi così ostico - ma sembrano aver posto la pietra della ripartenza, in vista del girone di ritorno e di un 2022 che avrebbe potuto segnare la svolta. Lo stop per Covid e il mese senza partite forse incidono nel momento di entusiasmo crociato, che al ritorno in campo continuano ad inciampare. 

Il punto più basso: il ko con il Brescia segna la fine
Sono sette le sconfitte raccolte con Iachini in panchina per il Parma, ma quella conto il Brescia - a quattro giornate dalla fine del campionato - sancisce il definitivo addio dei crociati alla corsa playoff. Senza Vazquez e con diverse assenze, i crociati giocano una brutta partita contro i lombardi, perdendo per 1-0 e staccandosi definitivamente dalle prime otto. 

I numeri
25 panchine: 7 vittorie, 11 pareggi, 7 sconfitte