Faggiano: "Radu interessa, per Sepe aspettiamo. Guardiamo sempre il bilancio"

27.01.2020 22:15 di Giuseppe Emanuele Frisone   Vedi letture
© foto di Andrea Cantini
Faggiano: "Radu interessa, per Sepe aspettiamo. Guardiamo sempre il bilancio"

Intervenuto ai microfoni di "Bar Sport", trasmissione di TV Parma, il ds dei crociati Daniele Faggiano ha fatto il punto in casa degli emiliani, focalizzandosi sul rendimento della squadra ma anche sulle ultime battute della sessione invernale di calciomercato: "Sto vivendo il momento tranquillamente, diciamo con la giusta rabbia e il senso della misura. Penso che già l'anno scorso abbiamo fatto molto bene. La squadra quest'anno si è alzata un po' di livello, ma non posso neanche lamentarmi dell'anno scorso. A questo punto l'anno scorso avevamo tre punti in meno, e qualcuno pensava di avere già la salvezza in tasca. Io dicevo, insieme al mister, di tenere il profilo basso, poi purtroppo siamo andati in difficoltà a causa degli infortuni. Quest'anno abbiamo cercato di ovviare a determinate situazioni, ma purtroppo ci sta capitando di tutto. Però io, il mister, i calciatori, i magazzinieri, i massaggiatori, la società tutta, siamo tutti uniti e cerchiamo di andare avanti nonostante tutto".

Quali sono le strategie del Parma a tre giorni dalla chiusura del mercato?
"Le strategie purtroppo sono determinate anche dagli infortuni che non ci aspettavamo. Possono succedere in ogni momento. Però noi dobbiamo rispettare un budget: già pensiamo di prendere un attaccante per l'infortunio di Inglese, inoltre in difesa numericamente siamo uno in meno. Ne mancano due. Qualche altro infortunio a centrocampo ci stava penalizzando a livello numerico. Vediamo, con la società stiamo cercando di ovviare a tutto: non so se riusciremo a fare tutto, ma cercheremo di fare il massimo".

Sono previste anche operazioni in uscita?
"Ci stiamo lavorando, però non è semplice. Avremo qualche uscita, vedremo: ma, al netto degli infortuni, siamo maggiormente concentrati sulle entrate. Poi la strategia cambia in base a queste situazioni".

Interessa anche Radu? C'è preoccupazione anche per Sepe...
"Stiamo vedendo. Non posso nascondere come anche Radu sia tra i nomi, però vediamo. Io credo di andare avanti con Sepe, perché tutti facciamo affidamento su Sepe, su Colombi e su Alastra. Però è normale che se c'è un infortunio, non posso arrivare a essere un po' corto in quel ruolo".

Si può sapere qualcosa di più sull'infortunio di Sepe?
"Bisogna aspettare, prima di tutto io non sono un medico. Stiamo lavorando, stiamo valutando con il dottor Pasta e il dottor Manetti".

Da qui a venerdì qualcosa si muoverà?
"Ci sarà sicuramente, guardando sempre il bilancio. Non è semplice perché non ce lo aspettavamo, la tabella di marcia era diversa, ma faremo di tutto. Volevo aggiungere che, siccome sento parlare di Europa League, non mi piace questo discorso. Con la crescita del Parma dalla Serie D alla Serie A, la salvezza, i 31 punti, dobbiamo andare cauti, altrimenti succedono i disastri. La gente deve capire che, se non dovesse arrivare nessuno, sono stati fatti dei sacrifici prima. Noi faremo di tutto, ma non dobbiamo andare ad affossarci. Dopo i fischi ci sono sempre, ma dobbiamo andare con calma. Si può sognare, ma sappiate che a volte la realtà è diversa quando si apre gli occhi".