La situazione riscatti: Caprari difficile, Hernani ufficialmente crociato

15.08.2020 13:08 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
La situazione riscatti: Caprari difficile, Hernani ufficialmente crociato

Il prestito con diritto di riscatto è una delle modalità "preferite" dal Parma, che nei suoi primi due anni di Serie A ha concluso molte operazioni con questa formula, quasi tutte vincenti. A campionato terminato si ragiona sulle prestazioni dei protagonisti, decidendo se esercitare il diritto di riscatto o se le clausole presenti portino al riscatto obbligatorio del calciatore. E' il caso di Hernani, arrivato la scorsa estate in prestito con obbligo di riscatto in caso di salvezza: il brasiliano dunque è ufficialmente un giocatore del Parma, con i crociati che verseranno circa cinque milioni nelle casse dello Zenit. Le stesse formule riguardano anche gli ex napoletani Luigi Sepe, Alberto Grassi e Roberto Inglese, tutti e tre in prestito con obbligo, e giocatori del Parma.

Diverso invece il discorso dei prestiti raggiunti nel mercato invernale. Quello che tiene banco più di tutti è il prestito di Gianluca Caprari, arrivato a fine gennaio dalla Sampdoria in prestito con diritto fissato attorno ai nove milioni. Erroneamente in passato si era parlato di un obbligo fissato a un numero di presenze specifiche raggiunte, ma in realtà l'ex Pescara è arrivato in Emilia con un banale diritto. A campionato terminato però, il Parma non ha esercitato il diritto, e pare che non lo farà nemmeno nelle prossime settimane. Troppi i nove milioni richiesti dalla Samp, che se non abbasserà le pretese vedrà il Parma dileguarsi. Nessuna chance di rivedere a Parma nemmeno Vasco Regini e Ionut Radu, colpi last minute dell'ultimo mercato e che non avevano opzioni esercitabili. Entrambi torneranno alla casa madre, e forse verranno nuovamente ceduti.