La generosità non basta: serve un bomber. Un girone senza gol, io una occasione ad Adorante l'avrei data. Adesso serve il mercato e non quello dei difensori

25.01.2021 10:10 di Simone Lorini Twitter:    Vedi letture
La generosità non basta: serve un bomber. Un girone senza gol, io una occasione ad Adorante l'avrei data. Adesso serve il mercato e non quello dei difensori
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

La topica di ieri non c'entra, lo stato di forma e il morale sotto i tacchi di un attaccante che l'anno scorso ha avuto un exploit che purtroppo non è stato in grado di ripetere, sì: Andreas Cornelius è un ragazzo d'oro, un centravanti generosissimo che ti dà un appoggio costante alla manovra e che ama sacrificarsi per il gruppo, e che sono sicurissimo verrà buono in futuro. Ma adesso serve altro. Non è pensabile andare in campo con un attaccante che passa intere partite senza andare al tiro, né crea le occasioni per far andare i compagni alla conclusione. Al contrario, abbiamo bisogno di chi ha in mente solo la porta avversaria e il duello a distanza con il portiere, ed è inutile scomodare nomi illustri o paragoni scomodi.

L'esigenza assoluta di un attaccante non è certo una novità di ieri, ma dopo un girone intero senza gol dai centravanti (!) possiamo dire che potrebbe anche essere arrivato il momento di cambiare pagina. Per la cronaca: Adorante 1, Cornelius 0, Inglese 0, e chi vuol capire capisca. Una chance all'ex Inter  (che ha caratteristiche diversissime dai due colleghi, questo deve essere chiaro a chi legge) io l'avrei data, ma se non è avvenuto ci saranno dei motivi ben speficifici e non è questa la sede o il momento per fare critiche inutili o comunque "non costruttive". Adesso c'è una settimana di trattativa in cui andare a pescare il nome giusto per garantirci un futuro in Serie A. 

Capitolo mercato: serve un attaccante, anzi ne servirebbero due e non dovrebbero essere esuberi di altre squadre. E' ovvio ed evidente che una cosa è la necessità e un'altra la realtà, ma il ritardo è colpevole e non si capisce perché si continuino a cercare difensori quando i gol ce li facciamo sempre da soli e invece facciamo una fatica incredibile ad andare al tiro in porta (91 giorni senza gol al Tardini sono qualcosa di fantascientifico, anche se non all'altezza degli 0 gol in un girone da parte dei centravanti). Di nomi di attaccanti se ne sono fatti tanti, ma concretamente nessuno è mai arrivato vicino a vestire il crociato, mentre si sono spese tante energie nervose per Conti, per Zagaritis e per cercare l'ennesimo centrale difensivo. Che non farebbe male, questo è ovvio, ma che non sembra essere la priorità più urgente in una squadra coi numeri del Parma. Sette giorni di tempo ora, ma ripeto, è un ritardo incomprensibile se i fondi ci sono e le idee (D'Aversa ha parlato chiaro ieri sera mi pare) anche.