Per chiudere nella parte sinistra della classifica basterebbe poco. Ma siam sicuri che servirebbe?

30.04.2019 23:21 di Sebastian Donzella   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Per chiudere nella parte sinistra della classifica basterebbe poco. Ma siam sicuri che servirebbe?

Uno splendido girone d'andata, uno zoppicante girone di ritorno. Il Parma, come è ormai diventato ovvio da settimane e settimane, si è salvato grazie alla prima, straordinaria, parte di stagione: i 25 punti raccolti prima del giro di boa sono stati decisivi per mantenere la Serie A, tenendo conto che da gennaio a oggi sono arrivati meno della metà dei punti conquistati nel 2018. Flessione, marcia indietro, involuzione, chiamatela come volete. Sta di fatto che i gialloblù, nonostante una miriade di infortuni e un appannamento generale, stanno portando a termine la caccia alla salvezza.

Guardando la classifica, spiace solo vedere la posizione attuale, ossia la numero 14 su 20. Sia chiaro: chiudere quartultimi sarebbe comunque un'impresa, ricordando i travagli estivi, le basse aspettative e le tante incognite sulla rosa prima della partenza. Però, probabilmente, sarebbe bastato poco per finire nella parte sinistra della classifica, distante giusto 4 punti. Quelli che hanno fatto Frosinone e ChievoVerona col Parma nel ritorno, tanto per intenderci. 

E poi, dopo un paio di annate chiuse al fotofinish, chiudere in tranquillità la stagione non sarà affatto male. Come accadde in Serie D, giusto tre anni fa. Tre anni fa, ripetiamo. Ecco perché, a parte la salvezza, nessuno deve osare chiedere nulla più a questa squadra.