Maxi-tamponamento sulla strada del Parma: ora servono vie secondarie per raggiungere la metA

10.11.2021 20:16 di Rocco Azzali   vedi letture
Maxi-tamponamento sulla strada del Parma: ora servono vie secondarie per raggiungere la metA
TUTTOmercatoWEB.com

Fare in questo momento un bilancio del primo trimestre di campionato del Parma diventerebbe tanto superfluo quanto nocivo: ogni riflessione sarebbe comunque condizionata dall’ultima deludente (e son stato buono ed educato) prestazione ‘offerta’ al Via del Mare. Non si può nemmeno più dire che siamo all’inizio della stagione e che certi errori è normale commetterli: dopo 12 giornate la nostra squadra è al quattordicesimo posto in classifica, al pari della Ternana ed alle spalle del Perugia, due delle quattro neopromosse dalla C (per intenderci, il famoso Leeds del 2018, a questo punto dell’anno era quarto).

Non c'è nessuna voglia di fare del disfattismo, anzi comprendo che l'aver apportato tanti cambiamenti, per non dire stravolgimenti, nell’ultimo anno e mezzo, possa aver destabilizzato, ma quello che si percepisce dall’esterno è che, almeno in questo momento, i problemi siano molteplici e che le colpe siano da spartire un po’ fra tutti. I tifosi non vogliono trovare un responsabile così da poterlo mettere alla gogna, piuttosto l’interesse comune è quello di risolvere ciò che non funziona al fine di recuperare il terreno perso ed apporre quei correttivi utili per rimettersi in carreggiata. C’è chi pensa che sia colpa dell’allenatore, chi sostiene che i giocatori non diano tutto per la maglia che indossano, qualcun altro reputa sbagliate le decisioni prese dai dirigenti che hanno costruito l’impianto tecnico della squadra, ed anche chi vede nel presidente il principale responsabile della 'Caporetto' a cui stiamo assistendo, attribuendogli demeriti nello scegliere a chi affidare i compiti operativi. L'immagine che mi sono fatto è quella di una persona che sta andando ad un importante appuntamento di lavoro e che, suo malgrado, rimane coinvolto in un maxi-tamponamento stradale: premettendo che ci sarà da incavolarsi (e son sempre educato), le responsabilità saranno attribuite attraverso un concorso di colpe per stabilire chi e quanto dovrà risarcire i danni. Nel frattempo però, l’appuntamento di lavoro sarà saltato e la giornata ‘andata a sprelle’. Auguriamoci di trovare una strada secondaria per evitare l’incidente ed arrivare puntuali al nostro impegno.

Ah già, a proposito di auguri: è ancora presto, lo so, però, per chi si volesse mettere avanti con i regali di Natale sarebbe bello farselo in anticipo quest’anno. La campagna abbonamenti ha riaperto, per quello che potrebbe essere anche l’ultimo anno del ‘vecchio Ennio’. Forza Parma!