Benevento is the new Parma? Poco possesso palla e tanto fieno in cascina

31.03.2021 23:03 di Sebastian Donzella   Vedi letture
Benevento is the new Parma? Poco possesso palla e tanto fieno in cascina
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Nicolo' Campo

Il match di sabato sarà, probabilmente, l'ultima chiamata per il Parma. A Benevento i crociati si giocheranno le residue speranze di salvezza. Appesi a un filo chiamato Torino, con i granata distanti quattro punti ma con una partita da recuperare, gli uomini di D'Aversa non possono più permettersi passi falsi. Né pareggi di sorta, visto che muovono troppo lentamente la classifica. Di fronte, però, ci sarà una squadra che ha imparato proprio la lezione dei gialloblù.

Filippo Inzaghi, infatti, sembra essere sulle orme di Roberto D'Aversa. Il tecnico crociato, in questi ultimi due anni, non ha sicuramente brillato per il calcio champagne o per il possesso palla di guardioliana (o dezerbiana) memoria. Eppure, col suo gioco concreto, ha portato a casa due salvezze che acquistano maggior valore vista la disgraziata stagione in corso. Quest'anno, a prendere il posto dei gialloblù, sembra esserci proprio il Benevento. Che, se possibile, sono ancora più sparagnini dei parmensi.

I giallorossi, al momento, sono il club col peggior possesso palla della serie A: 42,2% totale, inferiore di oltre un punto e mezzo dal Cagliari, primo avversario a precederlo, e di ben 17 dal Sassuolo, prima della classe in questa speciale graduatoria. Gli uomini di Inzaghi, inoltre, hanno il secondo peggior attacco della Serie A (l'ultimo, come ben sappiamo, è purtroppo occupato dai ducali). I 28 gol siglati fin qui dai campani (una media esatta di un gol a partita) hanno fruttato 29 punti, ben sette in più del Cagliari terzultimo. Nonostante una lunga striscia di partite senza vittorie, ben undici, interrotta dall'incredibile successo in casa della Juve, gli stregoni si stanno avvicinando alla salvezza. 

Disputando un'annata poco spettacolare, forse, ma tremendamente concreta. Parma permettendo.