124 partite dopo, sarà un Parma senza D'Aversa: col maestro di tattica Tarozzi, però, la squadra resta in ottime mani

18.02.2020 22:53 di Vito Aulenti Twitter:    Vedi letture
© foto di Massimiliano Vitez/Image Sport
124 partite dopo, sarà un Parma senza D'Aversa: col maestro di tattica Tarozzi, però, la squadra resta in ottime mani

Sarà strano, domenica prossima, vedere il Parma lottare in campo a Torino senza il proprio condottiero Roberto D'Aversa, il quale, come noto, è stato fermato per un turno dal Giudice Sportivo per somma di ammonizioni (cinque). Si tratta, è inutile sottolinearlo, di un'assenza pesantissima per la squadra ducale, che per 124 partite di fila ha sempre avuto in panchina l'allenatore abruzzese, la cui unica assenza per squalifica risale addirittura al 12 marzo 2017: senza D'Aversa, allora sanzionato con due giornate di squalifica (grazie ad un ricorso presentato dal club emiliano, ci fu poi però il dimezzamento della pena) "per comportamento offensivo verso l'arbitro" tenuto nel convulso finale della gara col Forlì, la formazione gialloblù riuscì comunque a cogliere un risultato positivo in quel di Mantova (1-1 con gol di testa di Nocciolini su assist di Baraye), seopur col rammarico di non essere stata in grado di conservare il vantaggio negli ultimi 20' di gioco.

Quel giorno, a guidare il Parma c'era Andrea Tarozzi, colui che sostituirà D'Aversa anche nella complicata trasferta di Torino. A Bruno Alves e compagni mancherà certamente il carisma del proprio allenatore, che con la sua grinta è sempre capace di toccare le corde giuste. Ciò che però non scarseggerà saranno competenza e sapere, quelle che metterà a disposizione dell'undici crociato Tarozzi, grande maestro di tattica il cui apporto, malgrado se ne parli pochissimo, è di fondamentale importanza per il gruppo e per lo stesso D'Aversa. Niente paura, quindi: anche senza il proprio sergente di ferro, il Parma è in buone, anzi, ottime mani.