Mhkitaryan e Veretout decisivi, Fabbri grazia Mancini. Le pagelle di ParmaLive.com

09.07.2020 00:00 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Mhkitaryan e Veretout decisivi, Fabbri grazia Mancini. Le pagelle di ParmaLive.com

Pau Lopez 6 - Kucka lo spiazza dal dischetto, ma per il resto non deve compiere interventi di rilievo.

Mancini 5.5 - Una gara in cui non soffre particolarmente, se non per un’occasione centrale nella gara, in cui devia di braccio un colpo di testa di Kucka: incredibilmente Fabbri, nonostante l’on field review, lo grazia.

Cristante 6 - Pronti via e si fa fregare da Cornelius, che con grande mestiere gli va via e viene abbattuto in area. E’ l’unico brivido della sua gara, giocata anche con il fardello del giallo, ma che da quel momento in poi risulta essere in grande crescita.

Ibanez 6.5 - Per distacco il migliore della retroguardia. Argina molto bene Kulusevski e in generale concede pochissimo sulla sua fascia. Sfiora anche il gol di testa, ma da due passi grazia Sepe su sviluppo di corner.

Bruno Peres 6.5 -  Sulle fasce la Roma viaggia alla grande, con il brasiliano che agisce praticamente da ala aggiunta. Spesso al cross, lotta su tutti i palloni e con grande voglia recupera la palla e serve l’assist per Mkhitaryan. Dal 67’ Kolarov 6 - Entra e svolge il compitino, senza squilli sulla fascia.

Diawara 6.5 - Scherma Cornelius cercando di sporcare i palloni del danese, che non ha mai una visuale pulita quando cercato con lanci lunghi. E’ lui ad agire davanti alla difesa in fase di possesso, limitandosi a coprire più che a impostare. Dall’82’ Villar 5 - Ha sul destro due volte la palla del KO ma le spara su Sepe.

Veretout 7 - Il lavoro di Diawara gli permette di essere più libero in fase d’impostazione ed è grazie a questa libertà che riesce a trovare lo spazio per calciare e insaccare il gol del 2-1. Molto bene in impostazione, guida da leader le offensive giallorosse. 

Spinazzola 6 - Spinge meno di Peres, più timido del brasiliano. Darmian lo argina bene, permettendogli un paio di cross poco pericolosi. Nella ripresa passa a destra ma la sostanza non cambia: più difesa che attacco.

Pellegrini 6 - Suo il primo squillo del match della Roma, con un palo colpito quasi dal nulla. Vivacchia sulla trequarti crociata, toccando però pochi palloni e senza incidere, come invece aveva fatto nella gara di Coppa Italia. Dall’82’ Perez sv

Mkhitaryan 7 - Un gol, un assist e tanto lavoro anche a palla lontana. Quando si accende l’armeno la Roma gira molto bene, tant’è che l’ex Arsenal entra in tutte le occasioni dei giallorossi. Non solo qualità ma anche quantità per lui, che recupera anche molti palloni preziosi. Dall’89’ Zaniolo sv

Dzeko 5 - Bruno Alves e Iacoponi lo ingabbiano alla grande, e l’attaccante bosniaco non trova mai un sussulto in grado di accenderlo. Gara opaca, anche per merito dei due centrali crociati.