Primavera, Beggi: "Gara complicata, ma la volontà dei ragazzi ci ha permesso di vincere"

18.09.2022 15:24 di Giuseppe Emanuele Frisone   vedi letture
Primavera, Beggi: "Gara complicata, ma la volontà dei ragazzi ci ha permesso di vincere"

Al termine della gara di ieri, vinta praticamente allo scadere contro la Cremonese grazie a un gol di Haj, l'allenatore della Primavera del Parma Cesare Beggi ha commentato così il successo dei crociatini ai microfoni dei canali ufficiali del club: "E’ stata una partita complicata, contro un avversario di valore, ma lo sapevamo: non siamo riusciti ad esprimerci secondo il nostro livello delle ultime partite, abbiamo subito tanto la loro fisicità e il loro ritmo e non siamo riusciti a prendere il comando per bene del gioco. Non avevamo ritmo nelle giocate, le occasioni più importanti le abbiamo avute noi, però non abbiamo fatto quello che facciamo di solito e anzi abbiamo subito le ripartenze di giocatori molto veloci negli spazi aperti. Quello che concediamo di solito, lo abbiamo concesso, ma non abbiamo fatto quello che di solito facciamo in fase di possesso, quindi una partita complicata che solo la volontà dei ragazzi e la voglia di stare dentro la partita ci ha permesso di portarla a casa. I ragazzi sanno benissimo che oggi non si sono espressi secondo i loro valori e secondo quelle che sono le nostre idee di gioco. Poi cercheremo di analizzare per bene se è demerito nostro o merito dei nostri avversari: tra l’altro giocavamo su un campo tradizionalmente ostico per tutte le squadre, contro un avversario di valore, quindi un po’ limiti nostri, ma anche il valore dell’avversario va riconosciuto. Tra l’altro la Cremonese ha giocato con due fuori quota che noi non abbiamo e quindi alla lunga il discorso fisico viene fuori, e noi finiamo tutte le nostre partite con in campo sette o otto giocatori che sono al primo anno di Primavera, quindi bisogna lasciare anche un po’ di tempo a questi ragazzi per trovare il ritmo di questo campionato; però, ripeto: questa non è la partita che vogliamo fare noi di solito, però ci teniamo anche quello di buono c’è dal punto di vista della volontà e del desiderio di stare in partita. Ci abbiamo creduto fino in fondo e di questo do atto ai ragazzi: da questo punto di vista sono contento, di sicuro bisogna crederci con una qualità di gioco e di palleggio migliore".