Krause sul Parma femminile: "Abbiamo acquisito l'Empoli Ladies. Vediamo se giocheremo al Tardini o a Noceto"

09.06.2022 16:45 di Giuseppe Emanuele Frisone   vedi letture
Krause sul Parma femminile: "Abbiamo acquisito l'Empoli Ladies. Vediamo se giocheremo al Tardini o a Noceto"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

All'interno della conferenza stampa di oggi, il presidente del Parma Kyle Krause ha parlato dell'acquisizione dell'Empoli Ladies, che porterà così la squadra crociata femminile a disputare la prossima Serie A: "Voglio condividere con voi novità strabilianti sul calcio femminile: ieri abbiamo acquisito l'Empoli Ladies ed oggi la FIGC ci ha concesso il trasferimento a Parma ed abbiamo ufficializzato l'acquisizione. Questa scelta giocherà un ruolo fondamentale a livello strategico per il Parma. Domenico Aurelio (Sports Director) e Martina Capelli (Club Manager) faranno parte del nostro gruppo. Voi vi chiederete il perché di questa scelta, ve lo dico...ci si è presentata l'opportunità di fare questo salto ed andava colta. La crescita del football femminile è evidente. Guardate a Barcellona: 90 mila spettatori hanno seguito la squadra femminile, numeri incredibile, è un fenomeno in ascesa. La vera domanda era perché non offrire le stesse opportunità alle donne che hanno anche gli uomini. Ovviamente bisogna fare un distinguo quando parliamo di pari opportunità, non dobbiamo equiparare i due sport. Per noi la crescita del Parma Femminile è importante per il club e per le nostre calciatrici".

LEGGI QUI LA CONFERENZA INTEGRALE: LIVE! Krause: "Spero di annunciare due nuove figure dirigenziali nelle prossime settimane"

Che budget avete pensato di attribuire a questa iniziativa e come sarà la programmazione?
"Perché alle donne non dovrebbe essere data la stessa opportunità che hanno gli uomini di giocare su palcoscenici importanti? Prima di parlare di budget dobbiamo capire di cosa c'è bisogno per rimanere a livelli alti. Ovviamente ci saranno dei costi, ma dobbiamo considerare anche gli introiti derivanti da sponsor e biglietti. La promozione ci è stata comunicata una mezz'oretta fa ed i numeri sono ancora in via di definizione. Ovviamente saranno budget inferiori rispetto la squadra maschile".

Dove giocherà la Squadra Femminile?
"Questa risposta ancora non posso darla con precisione, è un tema in via di definizione. Potrebbe essere Noceto, o il Tardini, ma ancora non si può garantire".

Arriveranno anche le giocatrici dell'Empoli con l'acquisto del titolo della squadra?
"Erano vincolate da un contratto a breve termine per cui non sono più legate alla squadra. Considerando anche l'arrivo di Domenico (Aurelio, ndr) che le conosce bene è possibile pensare all'arrivo di qualcuna di loro. Ma il nostro mercato è il mondo, per cui siamo aperti a qualsiasi opportunità".

Guarderà gli Europei Femminili di quest'estate? Anche in ottica mercato, magari.
"Sarebbe un'opportunità fantastica avere giocatrici che giocano in nazionale, ma ci concentreremo su tutto il mercato che come dicevo è un ambiente molto più vasto".

Dal punto di vista dirigenziale chi si occuperà della Squadra Femminile?
"Assumeremo uno staff esclusivamente per la Squadra Femminile, e quando parlo di staff intendo medici, fisioterapisti e tutte quelle persone che ruoteranno attorno alla squadra. Avremo poi chiaramente dei Servizi Condivisi che ci consentiranno di aggiungere capacità in tutti gli ambiti del club. Aurelio avrà le maggiori responsabilità dal punto di vista manageriale della squadra femminile, mentre dal lato corporate i Servizi Condivisi avranno i loro compiti".

Che ne sarà delle ragazze che hanno vinto il campionato di Eccellenza?
"Questa è la parte difficile. Noi vogliamo che ora loro si godano questa vittoria: ieri sera abbiamo voluto celebrare in maniera adeguata questa vittoria con una festa a Collecchio, dove ho avuto l'opportunità di congratularmi con il mister (Nicoli, ndr) per la vittoria conseguita in stagione. Ci sono alcune giocatrici giovani della Prima Squadra che ci auguriamo potranno fare parte della Primavera, mentre con altre stiamo cercando con altre una sistemazione anche con altre squadre. Assicurarsi che queste ragazze saranno ricollocate in una situazione positiva per loro sarà fondamentale per me. Hanno ricevute tutte un premio per i successi conseguiti". 

Cosa l'ha spinta a concludere questa operazione?
"L'interesse per la Squadra Femminile è stato immediato dopo l'acquisto del club. Ci siamo subito posti la questione di voler sostenere la squadra in tutti gli ambiti. L'anno scorso abbiamo ingaggiato un nuovo mister e tante giocatrici utili alla causa. Sono molto orgoglioso del progetto".

Quanto è stato importante il lavoro della Federazione italiana per il processo di acquisizione del titolo sportivo?
"Ha avuto un ruolo importantissimo. Siamo qui grazie alla FIGC e voglio ringraziare Gravina per i tempi in cui si è svolta l'operazione. Ci auguriamo di continuare questo bel rapporto".

Ha acquisito il titolo sportivo di una squadra di Serie A Femminile proprio nell'anno in cui questo sport è entrato a far parte dei professionisti.
"Non è merito mio per questo, mi sono solamente trovato al posto giusto al momento giusto. Il calcio femminile è in crescita e merita ulteriori investimenti, le mosse del governo e della federazione portano a questo".

La politica del mercato sarà fatto così come per la squadra maschile puntando profili giovani ed internazionali?
"Abbiamo la possibilità di far firmare solamente due calciatrici extracomunitarie. In America ci sono giocatrici giovani eccellenti. In media l'età femminile è inferiore anche a causa degli introiti di questo sport, ad oggi. Il calciomercato femminile è diverso rispetto quello maschile, ma l'idea è quella di prendere le migliori giocatrici possibili anche in Italia".