No mister, "una grande partita" sarebbe stata non far giocare l'Atalanta. E' già mercato: voci più che trattative, ma il rischio è doversi cercare un ds

01.04.2019 20:31 di Simone Lorini Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Cantini
No mister, "una grande partita" sarebbe stata non far giocare l'Atalanta. E' già mercato: voci più che trattative, ma il rischio è doversi cercare un ds

Stavolta no, mister, non sono d'accordo. D'Aversa ha parlato di "grande partita" e di "prestazione arrivata" dopo la gara contro l'Atalanta e non è così. Una grande prova, da parte del Parma, sarebbe stato non far giocare l'Atalanta come sa, non rispondere con le armi della Dea al gioco di Gasperini. Perché l'Atalanta non si batte facendo l'Atalanta, lo ha dimostrato il Chievo. E se la concentrazione difensiva continua ad essere ai minimi stagionali, pensare di gonfiare il petto per aver tirato più di una volta verso la porta di Gollini è illusorio: l'Atalanta, per sua stessa natura, gioca e fa giocare, solo minando le sue certezze offensive si sarebbe potuto parlare di gara di spessore. Ma l'Atalanta è il passato, c'è già il Frosinone a cui pensare. E intanto si comincia a parlare anche di mercato tra voci e ipotesi, più che trattative, che portano sempre alla Turchia: Skrtel e Medel potrebbero essere le ennesime operazioni nostalgia dopo Gervinho, Bruno Alves e Kucka. Ma al momento, lo ripeto, sembrano più voci che altro. 

Veniamo al sodo: Daniele Faggiano è molto apprezzato e a giugno le strade di Parma e direttore sportivo potrebbero dividersi. Allo stato attuale, secondo quanto da noi verificato, sono in particolare due le piste concrete legare all'ex Trapani: niente Fiorentina, (Faggiano non vorrebbe fare il secondo di Corvino a questo punto della sua carriera, ndr) mentre Torino e Atalanta sono state piacevolmente colpite dal lavoro dell'ultima estate da parte del dirigente crociato e in caso di addio a Petrachi e Sartori, la caccia sarebbe aperta. Petrachi infatti piace molto alla Roma, pronta a fare la sua mossa una volta capito che tipo di squadra dovrà costruire per l'anno prossimo, mentre i rapporti tra l'ex ds del Chievo e la Dea sono freddini a causa di vecchi dissapori tra il dirigente e Gian Piero Gasperini. Nel tentativo di convincere il tecnico a rimanere all'Atalanta, gli orobici potrebbero anche allontanare il ds e a quel punto una delle opzioni sarebbe proprio Faggiano.