Basta individualismi, basta blackout, basta alibi relativi al tempo. Sosta utilissima per provare a correggere gli errori

03.10.2021 19:20 di Vito Aulenti Twitter:    vedi letture
Basta individualismi, basta blackout, basta alibi relativi al tempo. Sosta utilissima per provare a correggere gli errori
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Premessa numero uno: nel calcio, così come nella vita, quando si comincia un nuovo progetto, soprattutto se ambizioso, c'è bisogno di tempo e pazienza prima di raccoglierne i frutti. Premessa numero due: se ieri Inglese avesse segnato il gol del 3-0, molto probabilmente ora saremmo qui a parlare di un Parma cinico che finalmente si è calato in un campionato brutto, sporco e cattivo come quello di Serie B, accantonando una volta per tutte le idee visionarie del proprio tecnico. E invece, ahinoi, ci ritroviamo di nuovo qui a dover rimarcare tutte le lacune di questa squadra, che, almeno sulla carta, avrebbe dovuto ammazzare il campionato. Fragilità innanzitutto sotto l'aspetto caratteriale (un terrificante deja vu), coi crociati che vanno letteralmente in tilt alla prima difficoltà, palesando oltremodo la scarsa coesione del gruppo. Per non parlare di gioco e idee, anche ieri, praticamente inesistenti (checché ne dica Maresca, il quale invece a fine partita ha parlato di "ottimo primo tempo").

Quali sono allora le possibili soluzioni per uscire dalla crisi? Innanzitutto lavorare a testa bassa, così come detto a più riprese da Tutino (ieri uno dei migliori in campo). E poi stare insieme più possibile, mettere da parte gli interessi personali e pensare solo al bene della squadra (tanto per dirne una, al 59' della gara con la SPAL, Mihaila ha beatamente ignorato Brunetta solo al centro dell'area, sprecando così una colossale palla-gol), eliminare ogni alibi relativo al tempo (ok, nella premessa numero uno sono stato io il primo a rimarcare come sia troppo presto per dare giudizi definitivi, ma appare preoccupante il fatto che, a distanza di tre mesi dal "primo giorno di scuola", i passi in avanti siano stati così pochi) e preferire semplicità e praticità ad estetica e innovazioni, anche a costo di fare un passo indietro rispetto ai piani iniziali. Una valida alleata potrebbe essere la sosta, anche se purtroppo Maresca non potrà lavorare coi nazionali: già contro il Monza, sarà necessario dimostrare che il vero Parma non è quello visto sin qui. Se così non dovesse essere, be', allora qualche correttivo, seppur doloroso, dovrà essere apportato.