6/9/2015 - 6/9/2019: quattro anni fa giocavamo ad Arzignano, oggi si discute su quanti crociati siano da Nazionale

06.09.2019 16:15 di Alessandro Tedeschi Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
6/9/2015 - 6/9/2019: quattro anni fa giocavamo ad Arzignano, oggi si discute su quanti crociati siano da Nazionale

E chi se lo scorda più quel sei settembre 2015: il Parma dopo un'estate a dir poco travagliata ripartiva con il calcio giocato sui campetti di periferia della Serie D. E lo faceva da Arzignano, un piccolo comune veneto, sconosciuto ai più, ma che per i tifosi crociati è diventato il simbolo della ripartenza. Quattro anni fa i crociati vincevano 1 a 0 a fatica, con gol su rigore di Riccardo Musetti. E da lì è partita la grande rincorsa che tutti ricordano, con tre promozioni consecutive e la salvezza conquistata la scorsa stagione non senza qualche patema di troppo nel finale.

Oggi, 6 settembre 2019, a Parma si parla di Nazionali. E non solo perché nel weekend non si giocherà per la sosta, ma soprattutto perché diversi crociati sono in ottica Nazionale ed alla ricerca di una convocazione. Partiamo da quelli che già l'hanno ottenuta a questo giro: Kucka con la sua Slovacchia, Dermaku con l'Albania e Kulusevski con l'Under 21 svedese. Sono poi diversi quelli che sperano di convincere il CT Mancini per il prossimo Europeo, a partire da Luigi Sepe: con le sue prestazioni sta attirando le attenzioni su di sè, ma la concorrenza è agguerrita. Poi l'ultimo acquisto Matteo Darmian: è tornato in Italia con l'obiettivo della maglia azzurra ed è deciso ad andarsela a riprendere. Così come Roberto Inglese, che l'anno scorso l'ha vestita in un paio di stage, ma che quest'anno vuole convincere tutti.