Il futuro di Alberto Grassi: ipotesi riconferma a Parma

21.06.2019 13:46 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
 Il futuro di  Alberto Grassi: ipotesi riconferma a Parma

Quando nell’inverno 2016 il Napoli spese otto milioni per comprare Alberto Grassi dall’Atalanta, il centrocampista era uno dei nomi più interessanti del panorama italiano e ogni esperto si aspettava una carriera ad altissimi livelli. Il rapporto fra Napoli e Grassi però faticò a decollare, e il centrocampista venne ceduto in prestito prima all’Atalanta, poi alla SPAL per ritrovare lo smalto che tanto aveva fatto sperare nei preamboli della sua carriera. A metà agosto, il classe ’95 si accasa al Parma in prestito oneroso, sperando finalmente di compiere quell’ultimo passo che differenzia le carriere dei buoni e degli ottimi giocatori. Grassi dovrebbe essere la mezzala titolare del 4-3-3 di D’Aversa, grazie alla buona tecnica e alla capacità di inserimento, ma ancora una volta la sua carriera deve fare i conti con un brutto infortunio. Appena rientrato da un guaio muscolare che lo ha tenuto fuori per un mese, in un allenamento di metà Dicembre Grassi soffre la rottura del legamento crociato che lo costringe a saltare il resto della stagione. Durante la convalescenza il Parma non lo lascia solo e inizia a pensare di tenerlo in città anche per la stagione successiva, sperando di recuperarlo a pieno regime. Facciamo di seguito il punto su Alberto Grassi, cercando di fare chiarezza circa la sua posizione:

SITUAZIONE CONTRATTUALE - Il contratto di Grassi scadrà tra qualche giorno, il 30 giugno, data in cui il centrocampista tornerà ad essere un giocatore del Napoli. Il Parma aveva, come nel caso Inglese, un diritto di riscatto ma ha deciso di non esercitarlo per provare a trattare sul prezzo con i partenopei.

LA STAGIONE - Come detto, Grassi inizia la stagione da titolare nel centrocampo a tre di D’Aversa, ma un primo infortunio muscolare dopo la seconda giornata lo toglie dal campo per più di un mese. Rientra nel match casalingo contro il Frosinone, dove riassaggia il campo per pochi minuti finali. Seguono tre gare da titolare, contro Torino, Sassuolo e Milan prima della rottura del crociato che lo tiene lontano dal rettangolo da gioco fino al 19 Maggio, data in cui rientra in campo per l’ultima mezz’ora contro la Fiorentina, potendo festeggiare la salvezza ottenuta. Grassi chiude la sua stagione con “solo” 462 minuti spalmati in sette gare.

CHI LO CERCA - Il Parma sembra la squadra più forte sul centrocampista ma anche l’Udinese si è detto interessato. Grassi ha il contratto con il Napoli in scadenza nel 2020, quindi i campani hanno bisogno di venderlo per non perderlo a zero. In caso di un nuovo prestito (ipotesi abbastanza remota), il club dovrebbe rinnovargli il contratto e poi discutere con le altre società.

PERCENTUALI DI PERMANENZA - Intorno al 45%. Il Parma vorrebbe trattenere Grassi e sta tentando di raggiungere un accordo con il Napoli, club con cui ha buoni rapporti e con cui sta trattando anche altri giocatori.

Leggi anche:
Il futuro di Bruno Alves: leggi l'approfondimento di ParmaLive.com!
Il futuro di Mattia Sprocati: leggi l'approfondimento di ParmaLive.com!
Il futuro di Abdou Diakhate: leggi l'approfondimento di ParmaLive.com!
Il futuro di Massimo Gobbi: leggi l'approfondimento di ParmaLive.com!
Il futuro di Luigi Sepe: leggi l'approfondimento di ParmaLive.com!