Cornelius entra e segna, Gagliolo super. Le pagelle di ParmaLive.com

13.01.2020 23:10 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Cornelius entra e segna, Gagliolo super. Le pagelle di ParmaLive.com

Sepe 6 - Non deve fronteggiare pericoli clamorosi ma quando chiamato in causa risponde sempre presente. Bene in respinta su Mancosu, guida anche la difesa da leader.

Darmian 6.5 - Si fa saltare un po’ ingenuamente ad inizio gara da Mancosu ma con il passare del tempo gli prende le misure. Qualche errorino di misura che da lui non ci si aspetta ma nel complesso una buona gara, anche in fase offensiva.

Iacoponi 7 - Diligente in marcatura, entra nella storia diventando il primo marcatore del decennio del Parma. Intraprendente, si sgancia in un paio di occasioni guidando il contropiede dei crociati.

Bruno Alves 6.5 - Molto bene in marcatura e in impostazione, spende un giallo pesante ma importante per spezzare un contropiede leccese.

Gagliolo 7.5 - E’ l’arma in più del Parma, almeno del primo tempo. Tante discese sulla fascia con cross ben calibrati, personalità nell’imbastire la manovra e nel cercare il dialogo con i compagni. Pennella il cross che porta al 2-0 del Parma utile a suggellare una prestazione top.

Grassi 5.5 - Fuori dalla partita sin da subito, fatica a creare gioco e non sembra intendersi granché con Hernani. Qualche buona chiusura e qualche buon pallone recuperato ma tutto sommato una gara in ombra. Dal 76’ Scozzarella sv.

Hernani 6.5 - Parte bene, con una palla interessante in profondità per Inglese. Inizialmente lento e senza idee, cresce nella ripresa in cui recupera anche qualche pallone prezioso e regala più metri in impostazione al Parma. Inoltre, impreziosisce la sua partita con un calcio d’angolo perfetto che regala a Iacoponi l’1-0. Dall’84’ Gervinho sv.

Kurtic 6 - Buon impatto con il Tardini e con la maglia del Parma. Gioca fuori posizione e alla lunga questo lo penalizza, ma ci mette tanta intensità e personalità cercando di guidare le manovre avanzate dei suoi.

Kulusevski 6 - Partita a due facce: nel primo tempo è inspiegabilmente senza idee, forza troppo la giocata e spesso perde palloni che qualche settimana fa non avrebbe perso. Deve tornare a giocare come sa, senza incaponirsi in giocate complesse: il talento lo ha, non ha nulla da dimostrare. Decisamente meglio nella ripresa, dove gioca con più tranquillità e sfiora addirittura il gol nel finale, esprimendosi a livelli altissimi. 

Inglese 5.5 - Fa un buon lavoro spalle alla porta, lottando con i centrali del Lecce e cercando sponde e spazi. Scalda i guantoni di Gabriel ad inizio gara, poi più falli e fuorigiochi che altro. Ha bisogno di ritrovare la forma, siamo solo all'inizio del percorso. Dal 69’ Cornelius 7 - Entra dopo l’infortunio e al primo pallone segna il gol che mette in ghiaccio la partita. Bene col lavoro spalle alla porta, non poteva sperare in un rientro migliore.

Kucka 6.5 - Come Kurtic fatica a trovare un giusto collocamento in campo, perdendo le sue grandi qualità di inserimento partendo dalla trequarti. Ha sulla testa una grande chance per sbloccarla ma non riesce a sfruttarla. Cresce anche lui nella ripresa dove parte più indietro, nella sua posizione naturale ed entra nell’azione del gol del 2-0.