Galli: "L'area metodologica non si occupa soltanto di campo. A Parma c'è grande attaccamento al club"

10.05.2022 13:29 di Alessandro Tedeschi Twitter:    vedi letture
Galli: "L'area metodologica non si occupa soltanto di campo. A Parma c'è grande attaccamento al club"
TUTTOmercatoWEB.com

Filippo Galli, responsabile dell'area metodolica del Parma Calcio, è così intervenuto durante la conferenza di presentazione dell'evento Tardini for Special: "E' molto importante avere al Tardini la squadra femminile. Il Parma apre la propria casa ad attività che non sono collegate alla prima squadra, ed è difficile trovare un altro club così. Ci sarà anche un altro torneo, che si giocherà sui campi dell'Audace al Parco Ferrari e con l'atto finale qui al Tardini. Abbiamo voluto fortemente questo evento, anche per i nostri ragazzi, perché devono conoscere le attività presenti sul territorio, per fare loro capire per chi stanno giocando, per quali valori giocano. E' un'opportunità per tutti, che non si deve fermare a domenica ma che deve durare nel tempo. Per quanto riguarda il femminile le nostre ragazze avranno una partita importante domenica, qui al Tardini. E' un momento in cui si riuniscono tutte le attività del Parma Calcio. Parma è unica ed il Parma è unico. Speriamo di avere tante famiglie presenti qui domenica per emozioni uniche".

LEGGI QUI - Tardini for Special, l'iniziativa di domenica 15 per il calcio paralimpico e femminile

Come è andato il suo primo anno a capo dell'area metodologica del Parma Calcio?
"L'area metodologica ha cercato di essere di supporto alla prima squadra e anche al settore giovanile, maschile e femminile. Abbiamo cercato di accompagnare il talento con particolare attenzione a chi viene da fuori, per farli trovare a loro agio e farli esprimere al meglio. Non si parla soltanto di campo, ma anche di attività fuori campo. Visitando aziende e mostre, serve conoscere il territorio. Non dividiamo la persona dal giocatore, riteniamo che il progetto abbia bisogno di tempo, ma possiamo ritenerci soddisfatti. Abbiamo cercato di dare uno stile di gioco, propositivo e di possesso palle. Dal punto di vista formativo è una peculiarità importante".

Quali differenze ha trovato con le altre realtà in cui ha lavorato?
"Le differenze si trovano ovunque. E' impensabile trovare un contesto uguale all'altro. Le cose essenziali sono quelle di riuscire a trovare la fiducia delle persone con cui si lavora. Il rapporto con i parmigiani è stato un buon rapporto. Frequento poco il centro di Parma, ma la periferia la conosco un po' di più. Ci sono persone aperte e disponibili all'ascolto. C'è grande attaccamento verso il club e verso la squadra. A Parma ci sono tutte le componenti per far tornare la squadra ai livelli che tutti conosciamo nel recente passato".

LEGGI QUI - La conferenza stampa integrale di presentazione del Tardini for Special