PL - Pari: “Parma, per salvarti devi iniziare a vincere. Inter impressionante”

04.03.2021 12:53 di Donatella Todisco   Vedi letture
PL - Pari: “Parma, per salvarti devi iniziare a vincere. Inter impressionante”
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Per lui solo una presenza coi nerazzurri e ben 64 gettoni, conditi da 5 reti, con la maglia del Parma. Anche se agli albori della sua carriera da calciatore: le stagioni con l’Inter vanno dal 1979 al 1981, quelle coi crociati dal 1981 al 1983. Tra i tanti ex della sfida del Tardini c’è Fausto Pari, già direttore e procuratore sportivo. Ai microfoni di Parmalive.com, Pari ha fatto il punto della situazione sul momento dei crociati ma anche sulla sfida da disputare contro i nerazzurri. 

Parma-Inter è alle porte. Praticamente un testa-coda:
“Direi di sì, assolutamente. Sulla carta l’Inter vive un ottimo periodo di forma e non dovrebbe esserci partita, i nerazzurri stanno viaggiando ad un ritmo impressionante. La squadra di Conte ha fatto il pieno di punti, sono riusciti a recuperare anche le gare che stavano perdendo. Più partite passano, più diventa difficile riprenderli ed ogni partita diventa fondamentale. Sicuramente per il Parma non sarà facile, ma il calcio a volte è bello proprio perché è imprevedibile”. 

Il Parma è reduce da due pareggi, sono segnali di risveglio?
"C’è stata una ripresa, questo mi sembra evidente, visto che prima la squadra non riusciva a segnare. Però c'è da dire che sono più due vittorie sfumate che due pareggi guadagnati: quattro punti in più avrebbero significato aggancio a Cagliari e Torino nella lotta per la salvezza, e questo scenario avrebbe riaperto i giochi. Ma con le gare che diminuiscono ora servono soltanto risultati pieni per sperare ancora nella permanenza in Serie A". 

Pellè può ancora fare la differenza? 
"Questo non lo so, non so in che condizioni sia attualmente. Veniva anche da un periodo di inattività, dopo la sua parentesi nel calcio cinese. Quel che è certo è che un nuovo attaccante centrale serviva, viste le varie defezioni, penso a Cornelius ma non solo a lui. L'arrivo di Pellè potrebbe dunque rappresentare un buon compromesso, a patto che ingrani immediatamente".

Questa Inter vale davvero lo scudetto? 
"Mancano ancora delle partite, ma sicuramente si avvia a questo risultato che, poi, sarebbe l’unico obiettivo che è rimasto. Punterà a questo, senza dubbio, poi c'è da dire che rispetto alla concorrenza sono riposati e questo è un chiaro vantaggio".

Lei è l’agente di Bastoni. Un calciatore in costante crescita:
“Bastoni sta crescendo in maniera esponenziale, sin dall'esperienza di due anni fa a Parma. Quest’anno sta consolidando il trend, si tratta di un calciatore di valore che davanti a sé ha una carriera importante".  

E ci sarebbe anche Darmian. Quale futuro si aspetta per lui? 
“Per lui si tratta invece di un’operazione di transito. L’Inter era nel destino, quest’anno si sta confermando dopo una buona stagione di rientro al Parma. La sua aspirazione è ora quello di tornare nel giro della nazionale, e secondo me è sulla strada giusta".

Come procede, infine, il recupero di Nicolussi Caviglia?
“Sta recuperando dall’infortunio, la strada è quella giusta ma ci vuole tempo. Bisognerà farsi trovare pronti per la prossima stagione”.