PL - Ass. Pejo: "Speriamo che quello con il Parma possa diventare un progetto a lungo termine"

17.07.2022 20:40 di Niccolò Pasta Twitter:    vedi letture
PL - Ass. Pejo: "Speriamo che quello con il Parma possa diventare un progetto a lungo termine"
TUTTOmercatoWEB.com

Tra i protagonisti del ritiro del Parma nella splendide cornice della Val di Pejo c'è stato anche l'Assessore allo Sport e al Turismo Gianpietro Martinolli, che ha guidato squadra, staff e addetti ai lavori tra le bellezze e i comfort della zona, con una puntuale organizzazione. Con lui ParmaLive.com ha voluto tracciare un bilancio dell'esperienza di ritiro del Parma, che potrebbe rivedere Pejo ancora protagonista nei prossimi anni. 

“Il bilancio, lato umano, è molto positivo" - spiega Martinolli -. "Stringere amicizie in così breve periodo, come è successo con lo staff del Parma, con alcuni tifosi e anche con alcuni di voi della stampa al seguito, è stato molto piacevole. Lo dico con la pelle d’oca, è stato un piacere veramente alto. Il ritiro penso sia andato bene, così si dice nell’ambiente Parma, ora alziamo l’asticella sempre, anche per l’anno prossimo, dovessimo confermare in autunno. Non sarebbe più per un anno, ma ci piacerebbe diventare un progetto più a lungo termine, magari per ulteriori 2-3 anni, lato nostro. Attendiamo, facciamo passare un attimo gli entusiasmi di inizio stagione e spero entro settembre-ottobre di poter programmare il prossimo ritiro a luglio dell’anno 2023 e anche quelli futuri. Parma era una città simpatica per la Val di Pejo, ma ora speriamo possa diventare un forte gemellaggio di reciproco scambio”.

Adesso inizia la settimana con la squadra femminile.
“Ora inizia la seconda esperienza con il Parma, un piacere per noi poter ospitare per la prima volta il Parma Calcio femminile. Arriva dopo dieci giorni intensi, con un’attenzione alta per tutti i particolari del ritiro. Era il nostro obiettivo, non far mancare niente, nemmeno la più piccola esigenza per essere al 100% a disposizione della squadra e per far sì che fosse un ritiro impegnativo ma che avesse come unico pensiero la preparazione”.

Quello che ha offerto la Val di Pejo è stato incredibile.
“Siamo stati fortunati anche con il tempo, con una settimana meravigliosa. Qualche novena l’ho fatta nella mia vita: ho passato anche 22-23 giorni di acqua in luglio e gestendo un rifugio e immaginatevi tanti giorni d’acqua. Vuol dire mettersi al caminetto, guardare fuori e non vedere nessuno che arriva. Però è andata bene, vuol dire che qualcuno ci vuole bene e soprattutto abbiamo messo la squadra nelle condizioni di fare bene”.

Anche a livello di infrastrutture non è mancato nulla.
“Gli investimenti fatti su campo, palestra e tutte le infrastrutture nei precedenti anni hanno dato risultati. L’arma vincente è quella di saper coinvolgere, far sentire partecipi dei progetti le persone che hai vicino, di condividerlo in tempo giusti e poi anche con i nostri collaboratori, dopo il ritiro femminile, faremo il punto e sicuramente ci sarà da annotare cosa non è andato e cosa si può migliorare, che si può sempre fare meglio”.

@ESCLUSIVA PARMALIVE - RIPRODUZIONE RISERVATA