Ternana, Lucarelli: "Parma più forte dell'anno scorso, ma vogliamo prenderci i tre punti"

09.09.2022 13:46 di Alessandro Tedeschi Twitter:    vedi letture
Ternana, Lucarelli: "Parma più forte dell'anno scorso, ma vogliamo prenderci i tre punti"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport

Cristiano Lucarelli, tecnico della Ternana, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida ai crociati di domani pomeriggio. Queste le sue parole evidenziate da CalcioFere.it: "Domani c’è la possibilità di riconfermare la cattiveria agonistica che abbiamo visto nelle ultime due partite. Per me questo viene prima del risultato, perché è fondamentale per lo svolgimento del campionato. Purtroppo abbiamo ancora dei problemi e dovremo valutare chi rischiare o no. Ma io non guardo mai le assenze, guardo le opportunità: dico sempre ai ragazzi che la storia del calcio che è piena di grandi calciatori che hanno iniziato sfruttando un momento di difficoltà di altri giocatori. Anche la mia storia calcistica è nata approfittando dei momenti di difficoltà, nel mio caso di Gigi Marulla. Nella vita ci sono le opportunità”.

Come si affronta il Parma?
“Nelle ultime settimane abbiamo variato le dinamiche con lo stesso modulo. L’idea a Parma è di giocare come sappiamo, cercando di limitare il più possibile le loro giocate, per provare ad accenderci noi spegnendo loro. Segniamo da diverse partite, ogni gara che siamo scesi in campo, quindi possiamo dire che davanti siamo migliorati, considerando anche che il campionato è salito di livello. In più abbiamo preso il 30% di gol in meno di cui 4 su rigori e calci piazzati. Secondo me la squadra è migliorata”.

Il Parma è tra le favorite, che squadra si aspetta?
"Secondo me è più forte dell’anno passato: l’anno scorso erano tanti singoli forti, quest’anno con Pecchia è senz’altro più squadra. Ed ha ancora ampi margini di crescita. Contro il Genoa mi sembrava una partita di serie A. Noi vogliamo presentarci lì per prenderci i tre punti: siamo consapevoli che c’è una squadra forte e va presa con le pinze, ma non saremo le vittime sacrificali. I tanti infortuni? Molti sono di atleti che hanno avuto complicazioni negli anni scorsi. Ci alleniamo sull’alta prestazione, in maniera invasiva, può capitare. Anche l’avvio anticipato, con un grande caldo, può avere inciso”