Cremonese, Pecchia: "Maresca sta portando idee nuove, è uno stimolo affrontarlo"

18.09.2021 14:00 di Vito Aulenti Twitter:    vedi letture
Cremonese, Pecchia: "Maresca sta portando idee nuove, è uno stimolo affrontarlo"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Intervenuto in conferenza stampa, l'allenatore della Cremonese, Fabio Pecchia, ha così presentato il match di domani col Parma: "Ancora una volta arrivo alla gara con la curiosità di vedere come la affronterà la nostra Cremo. - si legge su cuoregrigiorosso.com - È una prova bella, da affrontare con la giusta dose di felicità e sono curioso di vedere la reazione dei miei".

Qual è la differenza tra il Parma e le altre squadre affrontate sino a questo momento?
"Il nostro atteggiamento è sempre stato di una squadra che sa quello che vuole fare, penso sempre alla sfida col Torino. Ogni gara è diversa in termini di avversari e struttura, qui abbiamo una squadra completamente diversa che con la B c’entra poco, hanno giocatori di spessore e questa è la vera sfida. Con il Cittadella era una sfida di mentalità e l’abbiamo affrontata nella maniera giusta, adesso bisognerà fare un altro tipo di gara ma la Cremo dev’essere sempre la stessa". 

Maresca lo hai allenato a Verona, lo conosci bene.
"Enzo ha fatto le sue esperienze e sta portando idee nuove in campionato con una squadra importante. Sa di avere delle pressioni per vincere il torneo e dimostrerà cosa è in grado di fare. La squadra ha un’idea di gioco diversa e per me, come per la squadra, è uno stimolo affrontarlo".

Recuperi qualcuno per la gara del Tardini?
"Non ci sono grosse novità se non il rientro di Ravanelli, rimasto fuori con il Cittadella per precauzione. Il gruppo è in buone condizioni, Valzania è un po’ indietro ma presto sarà con la squadra. La sfida di domenica ha messo qualcuno sotto stress perché era da parecchio tempo che non giocava, ma alcuni singoli hanno retto molto ben".

I giovani Zunno e Frey non stanno trovando spazio tra i convocati. 
"Anche se sono un po’ ai margini il nostro lavoro è costante, il numero dei giocatori che abbiamo è importante. Sono convinto che a lungo andare saranno importanti per tutta la squadra, stanno lavorando bene e sono un po’ indietro perché erano ai margini di alcune squadre, ma l’ambientamento è avvenuto agevolmente. Non credo domani saranno in gruppo, però stanno lavorando e sono dentro".

L'assenza di Baez sarà molto pesante.
"Sicuramente Baez ha caratteristiche diverse da tutti gli altri, ma abbiamo giocatori con qualità diverse da lui e la squadra deve mantenere la propria fisionomia. Fagioli, Zanimacchia e Vido sono in buone condizioni, davanti ho delle scelte, si partirà in un modo e si finirà in un altro. Tutti all’interno del gruppo devono stare all’erta, mi piace dire che chi parte dal 1′ è importante, chi subentra ancora di più".

Intanto si avvicina il primo turno infrasettimanale. Sarà importante dosare le energie:
"Questo è il primo turno infrasettimanale e si può gestire con il gruppo, ma a lungo andare avremo bisogno di giocatori con energie fisiche e mentali. La rosa dev’essere sempre tirata al massimo, anche un giocatore può rendersi determinante ai fini del risultato. Ora però pensiamo alla trasferta di Parma".