Parma-Udinese 2-0, Gagliolo e Kulusevski lanciano i crociati in zona Europa League

26.01.2020 16:56 di Vito Aulenti Twitter:    Vedi letture
Parma-Udinese 2-0, Gagliolo e Kulusevski lanciano i crociati in zona Europa League

Dopo il ko di misura patito sul campo della Juventus, il Parma riprende la sua marcia, cogliendo tre punti pesantissimi che gli permettono di agganciare il Milan al sesto posto, in piena zona Europa League. Ai ragazzi di D'Aversa bastano due reti nel primo tempo (a segno Gagliolo e Kulusevski) per regolare l'Udinese e ottenere una vittoria importante tanto per il morale quanto per la classifica.

A partire meglio è la formazione friulana, resasi pericolosa per ben due volte con Okaka nel primo quarto d'ora. Poi, pian piano viene però fuori la compagine di casa, che al 19' sblocca l'incontro con il bomber che non ti aspetti, Gagliolo, bravo ad approfittare di una palla vagante in area bianconera e a punire Musso con un meraviglioso diagonale al volo. Il vantaggio galvanizza gli emiliani, che prima vanno vicinissimi al bis con Cornelius e poi, complice anche una mezza papera di Musso, riescono a trovare il gol del 2-0 con un tiro tutt'altro che irresistibile di Kulusevski dal limite dell'area. I 45' si chiudono con un brivido per il Parma: Lasagna infatti è bravo a raccogliere un colpo di tacco di Fofana e a scoccare la conclusione a botta sicura, ma a salvare Sepe ci pensa la traversa. 

L'Udinese rientra in campo con buon piglio, provandoci con Mandragora e Lasagna, ma le prime due vere chance della ripresa sono firmate da Kulusevski, che però in entrambe le circostanze non trova lo specchio. Intanto Gotti ridisegna la squadra rendendola più offensiva, e le sue mosse producono subito i loro frutti, dato che i suoi ragazzi vanno vicinissimi al 2-1 in più occasioni: in particolare è Mandragora ad avere tre palle-gol nitidissime, ma un po' per poca fortuna, un po' per scarsa precisione, un po' per merito di Sepe, l'ex Juventus non riesce mai a riaprire il match. A proposito di Sepe, il portiere crociato è semplicemente miracoloso al 65', quando, con un eccezionale colpo di reni, riesce a respingere un tentativo di De Paul deviato in maniera beffarda da Kulusevski. Nel finale, arrivano le proteste dei bianconeri per un gol annullato a Lasagna dal guardalinee: il VAR però certifica il fuorigioco del centravanti, rendendo così vane le lamentele della squadra ospite.