Iachini su Man: "All'inizio faceva fatica e cozzava con Vazquez, ora dà imprevedibilità"

25.02.2022 10:45 di Rocco Azzali   vedi letture
Iachini su Man: "All'inizio faceva fatica e cozzava con Vazquez, ora dà imprevedibilità"
© foto di ParmaLive.com

Durante la consueta conferenza stampa pre-gara di questa mattina, il mister ducale, Beppe Iachini, si è soffermato su Dennis Man. Il talento rumeno, che nella prima parte di stagione, con Maresca prima e lo stesso Iachini poi, è parso essere ai margini del progetto, nelle ultime gare sembra essere rigenerato e la squadra sta finalmente potendo godere del suo apporto. Così il tecnico del Parma su di lui: "Man è un ragazzo sul quale mi sono fatto da subito delle domande, era fuori da sei partite, non giocava nonostante le qualità e mi sono fatto delle domande. Ho lavorato su di lui anche in altre dinamiche ed ho notato che faceva fatica. Ho pensato al ragazzo anche in funzione delle nostre caratteristiche di squadra. All'inizio poteva cozzare con le caratteristiche di Vazquez, in un utilizzo contemporaneo, adesso invece stiamo creando tantissimo. Ho insistito per lavorarci da esterno, nel 4-3-3 gli esterni si abbassano, giocando in questo modo va ad attaccare, punta l'avversario e lo salta, anche contro il Pisa è arrivato all'uno contro uno più volte, da imprevedibilità, è arrivato al tiro, ha fatto gol, ha avuto buone occasioni e intuizioni, con la Ternana il portiere ha fatto una grande parata, col Pisa ha giocato molto sul secondo palo e in superiorità numerica. Questo è lui, abbiamo cercato di toccare le corde giuste perché può svoltare nella sua carriera e diventare importante se ci crede, è successo a Theo Hernandez al Milan quando faceva la punta e a Cuadrado alla Juventus quando era esterno, se saprà giocare faccia alla porta e non spalle alla parte, se si convince potrà avere un salto, è difficile trovare un giocatore come lui a livello internazionale in quel ruolo, mancino, con le sue caratteristiche. Avrà ampi margini, migliora in fase offensiva e difensiva, non sarà mai un giocatore da 25 gol a stagione ma può diventare determinante per il futuro della sua carriera e per il Parma".