Parma-Roma, Krause meets Friedkin: quanta America in Italia!

09.03.2021 14:15 di Rocco Azzali   Vedi letture
Parma-Roma, Krause meets Friedkin: quanta America in Italia!
© foto di Tedeschi/ParmaLive.com

Sono sempre più presenti nel nostro calcio proprietà (o fondi) di provenienza americana, che nell’ultimo decennio hanno intrapreso una vera e propria politica espansionistica d’investimenti nel vecchio continente rivolti al mondo del pallone. Già 36 le società in Europa ad essere in mano a ricchi e potenti imprenditori statunitensi e canadesi, che hanno deciso di sviluppare parte dei loro businness in questo florido settore, che in certi paesi, l’Italia è un esempio, occupa una grande fetta del complessivo giro d’affari dell’intera nazione. Contemporaneamente si vedono sempre meno proprietà cinesi, che in un periodo neanche troppo lontano si sono rese protagoniste alla stessa maniera acquistando quote di importanti club europei, ma che adesso si trovarono costrette a battere in ritirata per via delle restrizioni imposte dal loro governo in materia di investimenti fuori dai confini nazionali.

In Italia in particolare stiamo assistendo a tanti ingressi di capitali stranieri, americani per l'appunto, chiamati a rimpinguare le casse di quelle società appartenenti a storici proprietari che non sono mai riusciti a riprendersi in seguito alla crisi finanziaria che ha colpito l’economia europea ormai da una quindicina di anni. Entusiasmo, intraprendenza ed innovazione: queste sono le qualità che ci auguriamo portino in dote (oltre che tanti bigliettoni verdi), salvaguardando l’essenza, lo spirito e la passione che da sempre rendono speciale questo sport. Saremo anche di parte, ma non possiamo non spezzare una lancia a favore del patron crociato Kyle Krause, trasferitosi in pianta stabile a Parma al fine di gestire in prima persona la società, per la quale sta investendo tanto e la sua intenzione è quella di continuare a farlo, seguendo la visione di un progetto solido, fresco e lungimirante: una sincera prova d'amore che senz'altro ha rasserenato i tifosi ducali

L’ultimo arrivato in Serie A è Robert Platek, neo presidente dello Spezia, ma da quest’anno si sono aggiunti alla lista proprio il nostro numero uno Kyle Krause e Dan Friedkin, che raccoglie l’eredità alla Roma di un altro suo connazionale: James Pallotta. Completano l’elenco Bologna (Joey Saputo), Catania (Joe Tacopina), Fiorentina (Rocco Commisso), Milan (Fondo Elliot), Pisa (Alexander Knaster) e Venezia (Duncan Niederauer), per un totale di ben 9 proprietà statunitensi nel nostro soccer. Calcio, pardon.

Domenica prossima contro la Roma, la tribuna del Tardini sarà quindi lo scenario di un derby a stelle strisce tra i due chairmans, entrambi alla prima esperienza in Italia: per il massimo dirigente del Parma Krause sarà la prima occasione di trovarsi faccia a faccia con un suo connazionale pariruolo, visto che lo scorso weekend il patron viola Rocco Commisso non ha potuto assistere al 3-3 maturato al Franchi.