Il Parma torna in B, ora abbia il coraggio di tener fede alle parole di Carli. Anzi, a Sohm, Mihaila e Man aggiungo Dierckx e Busi. E priorità assoluta al rinnovo di Traorè

03.05.2021 23:34 di Simone Lorini Twitter:    Vedi letture
Il Parma torna in B, ora abbia il coraggio di tener fede alle parole di Carli. Anzi, a Sohm, Mihaila e Man aggiungo Dierckx e Busi. E priorità assoluta al rinnovo di Traorè

Anche stasera abbiamo perso e anche stasera abbiamo sentito "che meritiamo di stare in Serie A e che il futuro sarà roseo". Bah, andiamo avanti. Andiamo oltre questo stucchevole ottimismo (sì, anche l'ottimismo a volte è troppo) e pensiamo a dichiarazioni più concrete: "Una cosa certa è che il Parma ripartirà dai giovani che resteranno tutti: da Man a Mihaila a Sohm". Così ha parlato Marcello Carli in quella che è diventata la notizia più letta della giornata su ParmaLive.com nonostante sia stata pronunciata a quattro dalla fine di suddetta giornata. Ovvio, la promessa è forte ed evidentemente avrà delle basi dietro. Prima di tutto però bisognerebbe fare chiarezza sul ruolo di Marcello Carli nella stagione a venire, visto l'area tecnica è stata affidata ad un'altra persona che il suddetto Carli non lo ha nemmeno nominato una volta fino ad ora. Partendo da lì si potranno prendere per buone le promesse dell'attuale direttore sportivo, che si è anche preso le proprie responsabilità (e meno male!). Man, Mihaila e Sohm saranno molto difficili da trattenere, i tifosi non devono farsi illusioni e specie sul primo stanno già volteggiando avvoltoi molto ben dotati economicamente. 

Dai due rumeni io ripartirei senza dubbio, ma mi piacerebbe anche vedere in campo quel Simon Sohm arrivato come forse il miglior acquisto dell'estate, almeno così sembrava e che anche oggi ha collezionato zero minuti, nonostante un infortunio nel suo reparto nel primo tempo. Se dovrà diventare un perno del Parma in Serie B, bisognerà capire quali sono i motivi che lo spingono all'ultimo posto possibile tra le scelte in questo momento disgraziato dove hanno giocato persino Brunetta e Alves, due che la valigia sanno benissimo dove è riposta. E alle promesse su Sohm, Man e Mihaila mi piacerebbe seguissero quelle su Dierckx, che continuo a considerare un predestinato, e Busi, il quale, come lo svizzero del resto, può dare tanto a patto di limare alcune asperità dal punto di vista caratteriale-tecnico. Su Valenti mi riservo di capire che tipo di problemi lo abbiano spinto più in tribuna che in campo ultimamente. 

PRIORITÀ ASSOLUTA AL 'RINNOVO' DI TRAORÈ - Ma non scordiamoci di aver lanciato il primo 2004 in Serie A, quel Chaka Traorè che fa la differenza con una facilità disarmante in Primavera nonostante sia ampiamente sottoetà. Il rinnovo (termine improprio, si tratta della firma del primo contratto da professionista) del calciatore dovrà essere la missione numero 1 (non scherzo) del mercato estivo ducale: la società, tra i tantissimi errori ammessi e non, non può e non deve lasciar partire uno dei migliori talenti emergenti dell'intero calcio italiano.