Sampdoria, Ranieri: "Sono soddisfatto, ma nel primo tempo abbiamo rischiato. Il Parma si salverà"

24.01.2021 23:42 di Giuseppe Emanuele Frisone   Vedi letture
Sampdoria, Ranieri: "Sono soddisfatto, ma nel primo tempo abbiamo rischiato. Il Parma si salverà"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

In conferenza stampa, l'allenatore della Sampdoria Claudio Ranieri ha parlato così del successo per 2-0 dei suoi ragazzi contro il Parma: "Sono molto soddisfatto dei miei giocatori, anche se nel primo tempo abbiamo lasciato troppe palle gol. Abbiamo rischiato troppo, e oggi Audero si è superato: sta facendo un campionato ottimo. Poi siamo stati bravi a venirne fuori, nel secondo tempo siamo stati bravi a tenere il controllo nella gara. Loro ci hanno provato in tutti i modi, ma siamo stati molto attenti. Fare punti con questo Parma, e sono convinto che il Parma si salverà, è una vittoria importante".

Oltre ad Audero anche Yoshida ha fatto una bella prova:
"Sì, però Audero ci ha salvato sullo 0-0 e magari altrimenti avremmo parlato di un'altra partita, quindi per questo l'ho sottolineato. Nel momento particolare della gara, è riuscito a tenere la porta inviolata. Ma dovrei citare tutti, è stata una bella prova di squadra".

E' un periodo prolifico a livello di punti. L'Europa è ancora lontana, ma un pensierino...
"Mantenendo questa solidità sì, ma noi non siamo così continui. Cerco di inculcare questo concetto alla squadra, a volte sbagliamo l'approccio e questo non va bene, perché è una questione di carattere e determinazione. Poi ci vuole la qualità, sennò non puoi giocare in Serie A. Vorrei che i giocatori avessero sempre la determinazione e il carattere che ci permettono di fare buone partite. A volte ci sono episodi positivi e negativi: oggi siamo entrati in campo con grande determinazione e motivazione, dobbiamo continuare così. Europa? Io sono un allenatore pratico: l'anno scorso il Parma ha girato il girone d'andata a 27 punti, noi abbiamo vinto qui nel ritorno e ci siamo salvati, il Parma non era ancora salvo. Per cui, testa bassa e pedalare".

Prossimo turno c'è la Juventus, avete già dato prova di poter battere le grandi:
"Non è questione di avere fiducia, dobbiamo fare le cose bene e avere un pizzico di fiducia. Quando incontri le grandi squadre, anche se fai tutto bene, magari c'è il colpo del campione che cambia tutto. Noi dobbiamo fare la nostra partita, e uscire soddisfatti: se c'è il risultato, tanto meglio. A me non interessa tanto il risultato, quanto la determinazione messa in una partita, poi possiamo accettare tutti i verdetti".

Si aspetta qualcosa dal mercato?
"Io neanche mi aspettavo Torregrossa, per cui devo ringraziare il presidente e basta".

La Sampdoria non ha preso gol, era un obiettivo:
"Sì, questo mi rende felice, ne avevo parlato anche ai ragazzi. Non mi piace prendere gol: ne facciamo, ma ne incassiamo. Oggi abbiamo avuto un pizzico di fortuna e la bravura di Audero, ma i ragazzi sono stati bravi a mantenere la porta inviolata".

Gli attaccanti hanno fatto un gran lavoro, come Quagliarella anche se non ha segnato:
"'Il capitano è stato encomiabile: il gol arriverà, non è un problema, ma ha fatto un grande lavoro. Lo avevo chiesto a tutti e tre, hanno saputo sempre ripiegare e stare compatti con il resto della squadra".