Disastro Sutalo, Malinovskiy e Muriel cambiano l'Atalanta. Le pagelle di ParmaLive.com

28.07.2020 21:50 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Disastro Sutalo, Malinovskiy e Muriel cambiano l'Atalanta. Le pagelle di ParmaLive.com

Gollini 6 - Bravissimo a chiudere lo specchio a Gagliolo ad inizio gara, i giocatori del Parma lo sollecitano spesso ma senza costringerlo all’intervento decisivo.

Sutalo 4 - In grossa difficoltà contro le sgroppate di Gervinho e i suoi, è disastroso per i primi quarantacinque minuti, anche quando Gasperini lo sposta a sinistra dopo l’uscita di Palomino. Esce a fine primo tempo essendo anche a rischio doppio giallo. Dal 46’ Djimsiti 6 - Con il suo ingresso e un abbassamento del Parma l’Atalanta cresce e prende più coraggio. Dietro non soffre quasi nulla.

Caldara 5.5 - Non ha lo smalto dei tempi passati ma di quelli dietro è quello che dà più solidità. Dal 60’ Muriel 7 - Il suo ingresso ridisegna una nuova Atalanta e seppur non entri nel tabellino svolta la gara dei bergamaschi regalando più imprevedibilità e più giocate ai nerazzurri.

Palomino 5.5 - In difficoltà contro i velocisti del Parma, si fa male nel finale di primo tempo. Dal 36’ Hateboer 6.5 - Cambia vari ruoli dal suo ingresso, da terzo centrale al centrale fino al suo ruolo, quello dell’esterno di destra. Una gara senza grossi spunti ma ordinata, in cui accompagna di più la manovra nel secondo tempo e salva il gol su Dermaku. 

Castagne 5.5 - Sottotono, nel primo tempo non si vede mai. Nella ripresa Gasperini lo sposta a sinistra, davanti alla sua panchina, dove ha compiti più difensivi contro il ciclone Kulusevski. Nel complesso però una gara insufficiente.

De Roon 6.5 - Schermo centrale e cervello dell’Atalanta, l’olandese fatica a trovare collocamento in campo complice un Kurtic molto disciplinato. Corre per tre e nel finale chiude nei tre di dietro, giocatore preziosissimo.

Freuler 6 - Rispetto a De Roon è molto più mobile e più pulito nei passaggi, ma al contrario  di altre gare è meno impattante. Come il collega olandese corre per tre e nel finale prevarica il centrocampo parmigiano anche fisicamente.

Gosens 5.5 - Dell’esterno sinistro più prolifico del campionato oggi c'è poco: pochi spunti, pochi dribbling e mai un affondo. Gasperini sorprende tutti e lo mette nei tre dietro, poi torna esterno giusto in tempo per divorarsi in contropiede l’1-3.

Pasalic 5 - Un brutto primo tempo, in cui si vede pochissimo. Un buon allargo per Castagne ma troppo poco per i suoi numeri e per quello che ha fatto vedere in questi anni in Italia. Dal 46’ Malinovskyi 6.5 - Rispetto a Pasalic è un’altra cosa. Il suo sinistro è educatissimo e su punizione disegna il pareggio, anche in maniera fortunata. Aiuta a districarsi bene fra le linee ma grossi spunti non ne ha.

Gomez 6.5 - Un fantasma, deambula per il campo alla ricerca di uno squillo che fatica ad arrivare. Costretto da Kurtic ad allargarsi molto per ricevere palla, si inventa il gol del 2-1 con un gioiello che in pochi possono permettersi: tunnel su Kurtic e sinistro radiocomandato all’angolino. Basta e avanza. Dall’85’ Tameze sv

Zapata 6 - L’ingresso di Muriel gli dà nuova linfa, regalandogli più metri a disposizione dopo un primo tempo sottotono. Pochi guizzi, giusto una girata pericolosa che finisce alta, ma nella ripresa apre grandi varchi per gli inserimenti dei suoi.