Il Parma sfrutta al meglio la nuova regola per saltare la prima linea di pressione avversaria

25.08.2019 14:15 di Alessandro Tedeschi Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Il Parma sfrutta al meglio la nuova regola per saltare la prima linea di pressione avversaria

E' sicuramente balzato all'occhio come ieri il Parma abbia cercato di sfruttare al massimo la nuova regola che permette ai difensori di andare a prendere palla all'interno dell'area di rigore. Iacoponi e Bruno Alves iniziavano l'azione molto bassi, al limite dell'area piccola, costringendo gli attaccanti avversari ad alzare la linea di pressing fino al limite dell'area. Inevitabilmente così facendo si creano spazi alle spalle della linea di attaccanti avversari, con Gaston Brugman o le due mezz'ali che potevano godere di spazi per far ripartire l'azione.

E nel caso in cui i centrocampisti bianconeri si alzassero in pressing, ecco la palla alta sui terzini gialloblu alti sulla trequarti. I crociati sono così spesso riusciti ad uscire dal pressing della squadra più attrezzata del lotto, creando pericolosi capovolgimenti di fronte partendo dal basso e palla al piede. E' vero che il nuovo Parma in fase di non possesso alza il proprio baricentro, cercando un pressing alto che anche ieri ha regalato preziosi palloni, ma è altrettanto vero che è capace di partire con la manovra dal basso, palla a terra e con scambi rapidi.