Krause: "La nostra una visione a lungo termine. Vorrei lasciare il Parma ai miei figli"

02.08.2022 10:52 di Giuseppe Emanuele Frisone   vedi letture
Krause: "La nostra una visione a lungo termine. Vorrei lasciare il Parma ai miei figli"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

In una lunga intervista rilasciata a Off The Pitch, il presidente del Parma Kyle Krause ha parlato dei vari obiettivi che si propone per la società crociata e delle prospettive per il futuro. Krause ha esordito parlando proprio dei programmi a lungo termine del club emiliano: "Direi che non ci concentriamo troppo sulla prossima stagione, ma sulla prospettiva dei 20 anni per questo club. Ma allo stesso tempo vogliamo sempre il progresso, preferibilmente ogni giorno. Nessun dubbio a riguardo. Capiamo che ci vuole tempo per costruire una robusta attività commerciale. Stiamo esaminando i giocatori che dovrebbero giocare per la nostra prima squadra tra 10 anni. Cerchiamo di concentrarci su questi ragazzi, non solo sugli attuali giocatori della prima squadra, e ci chiediamo: 'Come ci assicuriamo di poter trasformare questi talenti qualificati in brillanti giocatori di Serie A?' Come lo facciamo? Queste sono le domande chiave che ci poniamo in questo processo di costruzione. Ma ovviamente bisogna dare il via a tutto, prendere decisioni e portarlo avanti nelle operazioni quotidiane del club. Quindi l'obiettivo è a lungo termine, ma vorremmo vedere il nostro personale fare le cose immediatamente".

Uno sguardo proiettato molto sul futuro quello dei Krause:
"Abbiamo una mentalità di tipo familiare. E poi parliamo di generazioni. Spero davvero che i miei figli possano essere coinvolti nel Parma Calcio quando non sarò più al comando. Quindi sì, è molto diverso dalla mentalità di private equity che hanno altri proprietari. Devono ottenere risultati entro cinque o al massimo sette anni, il che va bene e si è dimostrato in molti settori un ottimo modello, ma noi non siamo così. Abbiamo un punto di vista generazionale che ci rende capaci di costruire le infrastrutture che sono alla base della creazione di un club finanziariamente molto solido e allo stesso tempo in grado di resistere agli alti e bassi che fa parte del calcio".

Sulle sue origini italiane:
"La mia bisnonna era di Palermo e il mio bisnonno era di un paesino appena fuori città chiamato Alia. Mi sono anche sposato in Italia, e la sede del Gruppo Krause a Des Moines è stata registrata da Renzo Piano. L'Italia è ovunque in quello che faccio. Lo adoro. Mi piace l'eredità".

Sul calcio come business sostenibile:
"Deve essere un business sostenibile. Altrimenti sarà come lo vedi in tutto il mondo, che un proprietario entra, è molto appassionato, e poi quando perdi molti soldi, a un certo punto quella persona si sente frustrata e poi se ne va e lascia il club molto vulnerabile. Non voglio che succeda per il Parma Calcio. Poi è un ambito che comporta molti rischi. Può capitare anche una cosa come un grave infortunio per un giocatore che potrebbe essere sull'orlo di una vendita importante, quindi non posso avere un foglio di calcolo che delinei quanto profitto dovremmo realizzare quest'anno o il prossimo. Ma ho intenzione di fare una sorta di ritorno finanziario su questo investimento. Deve essere così".

LEGGI ANCHE: Raggiunta quota 5000 abbonamenti. Il Parma ringrazia: "Questa fedeltà stimola il club a ripagarla in ogni direzione"

Krause ha ereditato il club dai sette soci parmigiani di Nuovo Inizio:
"Per me è importante dire che gli ex proprietari erano molto appassionati, hanno riportato la squadra in Serie A e venduto le quote. Hanno avuto molto successo nel farlo. E li rispetto per quello che hanno ottenuto. Ma ora siamo in una posizione diversa, e dobbiamo costruire qualcosa a lungo termine. Non possiamo semplicemente assumere giocatori esperti che potrebbero riportarci in Serie A. Voglio tornare in Serie A con il club? Certo che è un sogno, e un traguardo per noi. Ma dobbiamo costruire l'intero club, non solo la prima squadra. Dobbiamo assolutamente costruire un forte reparto commerciale che possa capitalizzare sul grande marchio Parma Calcio. In questo periodo ho avuto diversi colloqui di lavoro e ne avrò molti altri nelle prossime settimane, quindi stiamo lavorando sodo per costruire una squadra forte che possa generare entrate per il club. Ma per farlo è necessaria una visione a lungo termine: perché non puoi semplicemente aumentare i ricavi in ​​modo significativo per una squadra di Serie B, devi farlo passo dopo passo e poiché miriamo a essere un club e un marchio globale forte, tutto le nuove persone che stiamo assumendo devono capire che questo richiede molto duro lavoro. E molti anni per costruire".

Sul rinnovamento del club e delle personalità al suo interno:
"Stiamo costruendo per il futuro e abbiamo anche un nuovo Chief of Performance and Analytics con un'enorme esperienza da PSG. Stiamo assumendo costantemente e questo ovviamente può creare un ambiente frenetico. Ma è fondamentale coinvolgere persone che comprendano la nostra visione a lungo termine. Vogliamo portare nuovi volti che vengono da noi perché vogliono prendere parte a questo progetto. Sono d'accordo con il fatto che non si possano cambiare troppe cose in ogni momento, ma detto questo credo sia importante dire che sono ancora qui. Cerco davvero di passare molto tempo a Parma e nel club, quindi faccio del mio meglio per mostrare una presenza reale, soprattutto nei momenti difficili: tutti in questo club dovrebbero sapere che ci tengo molto. E che sono disposto a lavorare sodo con loro per raggiungere i nostri obiettivi".

LEGGI ANCHE: Forbes stila la classifica delle proprietà più ricche d'Italia: Como nettamente in testa, Krause fuori dalla Top 10

Sull'aumento della fanbase del Parma:
"Dato che stiamo ancora lavorando a questo piano non posso condividere con voi tutti i dettagli, ma abbiamo sicuramente bisogno di costruire una base di fan anche fuori città. E crediamo davvero di poter costruire una base di fan globale, dal momento che molti tifosi hanno il Parma come secondo club. La storia del club è molto importante e dobbiamo sfruttarla. Ciò non è facile da fare quando sei una squadra di Serie B, quindi dobbiamo tornare in Serie A e competere ai massimi livelli. E poi possiamo sicuramente attrarre alcuni marchi globali".

Secondo Krause, il Parma deve essere qualcosa di più di una semplice squadra di calcio che gioca ogni fine settimana:
“E' ora di provare a fare del Parma un business che è molto più di un quadro momentaneo di come giocano e si comportano le prime squadre. Dovrebbe essere molto di più, e dovrebbe essere abbastanza forte da poter essere importante anche quando le cose non vanno bene in campo”.