Serie C, il cammino dei 12 calciatori crociati in prestito: da Nocciolini a Lucarelli junior

26.12.2020 17:55 di Sebastian Donzella   Vedi letture
Nocciolini
TUTTOmercatoWEB.com
Nocciolini
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com

Tempo di Natale, tempo di bilanci anche per i giocatori del Parma in giro per le serie minori. In particolare in Serie C, visti i dodici crociati girati in prestito in terza serie. A cominciare dagli attaccanti e, in particolare, dal giocatore più esperto del lotto, quel Manuel Nocciolini, mandato a svernare alla Sambenedettese (ricordiamo l'obbligo di riscatto da parte dei rossoblù in caso di promozione in Serie B). Tre reti in 17 match per la punta 31enne, che divide l'attacco con un peso massimo come Maxi Lopez e con un ex gialloblù di passaggio come Facundo Lescano. La Samb a tinte sudamericane, però, non ha ancora ingranato a pieno la marcia anche se è in piena zona playoff, settima ma a soli sei punti dalla vetta.

Altro nome di peso per la categoria è quello di Eric Lanini, preso dalla Juventus e girato al Novara, che però ha segnato solamente una volta in stagione, nelle 14 partite avute a disposizione. I numeri di Imola sono ben lontani (14 gol giusto due stagioni fa) anche perché il classe '94, da titolare, è sceso in campo solamente la metà delle volte.  

In avanti chi si sta mettendo in mostra è Walid Cheddira: la punta classe '98 è sempre scesa in campo con il Mantova, nonostante la grande concorrenza offensiva, mettendo a segno anche due reti.

Rimanendo nello stesso reparto, in casa Cararrese, il tecnico Silvio Baldini, vecchia conoscenza della Serie A, fa entrare spesso e volentieri Fabian Pavone a gara in corso. Per l'esterno d'attacco classe 2000, dodici presenze fin qui tutte da subentrante, con un assist nel carniere.

Impiego part-time, inoltre, per Francesco Golfo con la maglia della Juve Stabia: il prospetto offensivo del 1994 ha giocato otto match saltandone altrettanti per un problema muscolare. Tenuto in grande considerazione dalle Vespe, ha trovato la sua prima marcatura stagionale proprio nell'ultimo match, in quel di Catanzaro.

Spostandoci a centrocampo, alla Pistoiese c'è Lorenzo Simonetti: l'ex under crociato stato un po' frenato da problemi fisici che lo hanno limitato nel mese di novembre. Nonostante ciò, 12 presenze in mezzo alla mediana arancione per il classe '96.

Non particolarmente fortunata, fin qui, l'esperienza di Fano per l'ala del 1998 Sebastiano Longo e per il terzino classe 2000 Alessandro Martella. Non solo perché la classifica dei marchigiani è deficitaria ma anche perché il primo è sceso in campo solamente cinque volte, mai da titolare, mentre il secondo non ha ancora visto il campo. 

Tanta sfortuna anche per Gabriele Carannante, centrocampista classe '99, che con il neopromosso Legnago ha collezionato tre spezzoni nelle prime tre gare: 12 minuti in tutto contro Vis Pesaro, Ravenna e Virtus Verona. Poi un poi di panchina e, purtroppo, il Coronavirus a stopparlo nel girone d'andata.

Una carrellata, infine, per i più giovani, usciti dalle giovanili crociate e girati in prestito a farsi le ossa in C, pur senza trovare fin qui grande spazio. Cominciamo con Michele Laraspata: il terzino ha debuttato da titolare alla prima di campionato nel match perso di misura contro la Turris senza però più rivedere il campo. Per il classe 2001 solamente sette panchine dopo quella gara.
Una sola gara anche per Stefano Palmucci, centrocampista classe 2001, in campo con la maglia della Triestina per sette minuti a ottobre contro il Cesena. Poi solo panchina per lui.
Debutto in Serie C, nell'ultima gara dell'anno, per il figlio d'arte Matteo Lucarelli, con il classe 2001 che ha giocato 4 minuti nel match vinto dal suo Foggia contro la Paganese.