Il secondo tempo fa male al Parma: 10 punti persi dopo il lockdown

21.07.2020 10:10 di Sebastian Donzella   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Il secondo tempo fa male al Parma: 10 punti persi dopo il lockdown

Se dopo il lockdown la Serie A, per qualche stramba ragione, avesse scelto di far terminare le partite all'intervallo, senza giocare la ripresa, il Parma avrebbe addirittura 10 punti in più in classifica. Il secondo tempo, infatti, è la cosa peggiore che possa capitare a un giocatore del Parma in queste ultime settimane. La squadra gialloblù, nelle ultime otto partite disputate, in ben tre occasioni ha chiuso in vantaggio la prima frazione ma ha perso la partita. Nove punti al minuto 45 diventati zero al minuto 90.

A cominciare dall'ultimo match, contro la Sampdoria, che è anche il peggiore da questo punto di vista, dal momento che i gialloblù avevano chiuso il primo tempo sul risultato di 2-0. Nella ripresa, invece, il crollo con le tre reti doriane nel giro di mezz'ora. Pochi giorni prima, anche col Milan non era andata bene. A "San Siro", però, il vantaggio gialloblù, arrivato a un passo dall'intervallo, era di un solo gol. A inizio ripresa il sorpasso era praticamente avvenuto, con le reti milaniste di Kessié e Romagnoli nel primo quarto d'ora (con il tris di Calhanoglu nel finale). E la terza gara? Quella, se possibile ancor più folle, contro l'Inter. Con i nerazzurri che, in questo caso immeritatamente, hanno recuperato lo svantaggio al minuto 84 vincendo poi, con gol dell'ex Bastoni, al minuto 87. 

Ma non è finita qui. Perché gli uomini di D'Aversa, a luglio, hanno subìto un'altra rimonta. Questa volta a Roma, con i giallorossi che hanno annullato il rigore di Kucka al termine della prima frazione e hanno poi vinto nella ripresa. E c'è anche la pazza sfida con l'Hellas Verona: il vantaggio di Kulusevski al quarto d'ora è stato vanificato dal rigore di Di Carmine in pieno recupero nel primo tempo. Poi, nella ripresa, le due reti venete inframezzate dal pari di Gagliolo. In questo caso, una mezza rimonta da aggiungere alle altre. Per un totale di tre vittorie e due pareggi, nei primi tempi, diventate cinque sconfitte al termine dei tempi regolamentari. Undici punti volati via, con la sola consolazione di aver recuperato un punticino contro il Bologna, con il derby pareggiato all'ultimo istante grazie a Kurtic e Inglese. Da undici, insomma, si scende a dieci punti persi nel secondo tempo dai crociati.