Focus - Alla scoperta di Busi: corsa e qualità per la fascia destra crociata

16.10.2020 18:00 di Alessandro Tedeschi Twitter:    Vedi letture
Focus - Alla scoperta di Busi: corsa e qualità per la fascia destra crociata

Sin dallo scorso mercato si è parlato di Matteo Darmian in ottica Inter e di conseguenza del buco che sarebbe stato lasciato sulla corsia destra crociata. Marcello Carli ed Alessandro Lucarelli sono così andati alla ricerca del nuovo nome per la fascia destra del Parma, individuato in Maxime Busi, terzino belga classe 1999.

CARATTERISTICHE TATTICHE - Un metro e ottantadue di altezza, il terzino belga fisicamente si fa rispettare in campo sia sotto l'aspetto del gioco aereo che per quanto riguarda la palla a terra. In fase difensiva infatti è molto prezioso sui calci piazzati, quando potrà andare ad affiancare una batteria di saltatori di tutto rispetto come quella crociata, mentre in fase offensiva potrà offrire una grande spinta sull'out di destra, potendo crescere, e non poco, in quanto a precisione nella metà campo avversaria. Negli anni passati allo Charleroi, tra campionato ed Europa League ha collezionato oltre 50 presenze, accumulando una buona esperienza anche in campo europeo, ma mettendo a referto un solo assist e nemmeno una rete. Tanta corsa e tanta qualità, sia in fase difensiva, che in fase offensiva, ma nella metà campo avversaria andrà migliorata la precisione e la capacità di scelta.

DOVE NEL PARMA DI LIVERANI - Nella difesa a quattro di mister Liverani Busi andrà ad occupare la casella di terzino destro, suo ruolo naturale. In carriera è stato spesso alzato come quarto di centrocampo, ma difficilmente vedremo il Parma giocare con quattro centrocampisti in linea in questa stagione. Potrebbe essere adattato sulla corsia mancina in caso di bisogno, o all'occorenza come centrale difensivo, dove verrebbe però limitata la sua grande corsa.