PL - Colomba: "Il gioco del Parma si è evoluto, bravo D'Aversa. Col Bologna sarà una gara aperta"

@ESCLUSIVA PARMALIVE - RIPRODUZIONE RISERVATA
17.11.2019 18:33 di Vito Aulenti Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
PL - Colomba: "Il gioco del Parma si è evoluto, bravo D'Aversa. Col Bologna sarà una gara aperta"

Interpellato da ParmaLive.com, l'ex tecnico crociato Franco Colomba ha così analizzato l'inizio di stagione della squadra crociata: "E' stata una prima parte di campionato estremamente positiva. Dopo l'adattamento alla categoria dell'anno scorso, la squadra ducale ha assunto una sua fisionomia e la porta avanti: riesce a manovrare in contropiede, ma non solo: ora è anche capace di impostare, e - in certi momenti - anche di dominare. Questo è sintomo di una maturità che ha acquisito".

Da tecnico ha quindi notato un'evoluzione nel gioco del Parma?
"Assolutamente sì. Credo che D'Aversa abbia avuto una crescita costante, sta continuando a dimostrarlo. Effettivamente questo Parma si è un po' trasformato, è bravo ad interpretare con equilibrio entrambe le fasi". 

D'Aversa è il classico allenatore di cui si parla troppo poco, ma che ottiene sempre ottimi risultati.
"D'Aversa era un calciatore intelligente. Con umiltà, ha fatto la gavetta nelle categorie minori, e poi ha trovato una società come il Parma che aveva voglia di risalire la china. Insieme stanno facendo grandi cose".

Con un pizzico di continuità in più, questa squadra può puntare a qualcosa che non sia "solo" la salvezza?
"Intanto bisogna passare sempre da lì, non si può saltare la salvezza. Una volta che si raggiungerà quella, se ci sarà l'opportunità, si punterà anche ad altro. Le outsider ci sono: da anni lo è l'Atalanta, il Cagliari lo è appena diventata. Facendo le cose per bene, si può arrivare anche a competere per qualcosa che in partenza sembrava inarrivabile. Ma questo momento è ancora lontano, il primo obiettivo deve essere la salvezza: del resto in A può succedere sempre di tutto, la situazione di classifica è ancora molto fluida".

Tra sette giorni ci sarà Bologna-Parma, una sfida molto speciale per lei. Che gara si aspetta?
"Sono le ultime due squadre in cui ho allenato in A. Dopo Parma, non ho più avuto la possibilità di allenare in massima serie, questo è un rammarico che ho. Però pazienza. Sono due squadre che stanno facendo bene: se vogliamo, il Parma è meno bello, ma più producente. Mi aspetto una partita aperta: il Bologna vorrà dare uno scossone alla sua classifica, mentre i ducali vorranno continuare a far bene".

Qual è il giocatore crociato che sin qui l'ha sorpresa di più?
"Kulusevski è indubbiamente colui che, essendo molto giovane, ha colpito di più l'occhio. E' un giocatore dotato di tecnica, fisico, gamba. Insomma, di un po' di tutto. Se poi ci mettiamo anche Scozzarella, che è diventato sempre più determinante, vuol dire che D'Aversa ci ha messo del suo. E' un allenatore che sa vedere le cose giuste e fare le scelte ideali".

@ESCLUSIVA PARMALIVE - RIPRODUZIONE RISERVATA