Romagna Centro-Parma 0-1, Lauria all'ultimo respiro: Apolloni ringrazia e va a +9

Un gol in pieno recupero proietta il Parma in Lega Pro
13.03.2016 17:25 di Redazione ParmaLive Twitter:    Vedi letture
Romagna Centro-Parma 0-1, Lauria all'ultimo respiro: Apolloni ringrazia e va a +9
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giovanni Padovani/ParmaLive.com

Fabio Lauria, e sono 9. Non i gol, ma i punti in classifica che i crociati hanno di vantaggio sull'Altovicentino grazie alla rete dell'attaccante tascabile, alla seconda presenza dopo il pesantissimo infortunio che l'aveva fermato in questo inizio di 2016. Basta appunto il gol dell'ex Delta Rovigo, un guizzo decisivo che rompe gli equilibri in una gara difficile, brutta, che il rosso ad Agrifogli aveva contribuito a rendere bloccata. Al Romagna Centro rimane la consapevolezza di aver giocato una partita di grande spessore, spesso irruenta, ma che stava meritatamente conducendo in porto con uno storico 0-0. 

Sin dai primi minuti la squadra romagnola lascia l'iniziativa agli ospiti, oggi in tenuta blucrociata, seppur non disdegnando l'offensiva in contropiede e il pressing avanzato. Dopo una decina di minuti, prima enorme occasione per gli ospiti, con Lucarelli che stacca in area ma vede murato il proprio tiro da Semprini e annullata tutta l'azione dall'arbitro Natilla, che ravvisa un fallo in attacco. Rispondono per le rime i padroni di casa, vicini al gol con un destro di capitan Dall'Ara dopo una bruttissima palla persa in area da Agrifogli. Baraye suona la carica, ma arriva per due volte in ritardo su due cross di Ricci da sinistra. Il Parma insiste sulla sinistra, ma Longobardi è ben marcato, così come il senegalese, vero spauracchio per la difesa di Rossi. Si va al riposo senza ulteriori emozioni, col Parma padrone del campo e del gioco, spesso però in maniera sterile.

Nella ripresa i biancoazzurri arretrano notevolemente il proprio baricentro, mentre il Parma non lo alza: il risultato è lo stazionamento frequente del pallone sulla linea di centrocampo. Baraye prova ancora a fare la differenza in velocità al 12', quando vola a destra e serve Ricci: il suo tiro è ribattuto, ma la sfera arriva a Giorgino che ci prova, trovando attento Semprini. Apolloni si gioca la carta Melandri, ma la palla gol capita subito a Longobardi: stacco perfetto su invito di Messina, conclusione di poco a lato, con Semprini che nulla avrebbe potuto. A metà ripresa l'episodio che cambia inevitabilmente gli ultimi venti minuti di gioco: Agrifogli entra male sul neoentrato Rizzitelli, meritandosi il secondo giallo e la doccia anticipata. Il Parma di fatto termina la propria prova offensiva qui, rischiando anche grosso su un destro dalla lunghissima distanza proprio di Rizzitelli: Zommers è salvato dalla traversa. Finita? No, c'è tempo ancora per il +9, per il gol dell'anno: botta di Melandri, respinta della difesa, Lauria si coordina e con una rovesciata da "figurina Panini" mette alle spalle del portiere avversario la rete che decide la sfida.