Prato allo Stelvio - Giorno 3 con tanta palla. Ma non per Alves e Ceravolo

11.07.2019 22:10 di Sebastian Donzella   Vedi letture
Prato allo Stelvio - Giorno 3 con tanta palla. Ma non per Alves e Ceravolo

La terza giornata in casa Parma è filata via con poca corsa ma tanta palla. Chi non ne ha toccata, in realtà, sono stati Bruno Alves e Fabio Ceravolo, impegnati con delle sessioni personalizzate. A incontrare la stampa, invece, è stato Luigi Sepe, fresco di rinnovo in gialloblù, con conseguente saluto al Napoli.

MATTINA - Prima un lavoro in palestra, poi un lavoro specifico sulla difesa, in particolare sui lanci lunghi. È trascorsa così la mattinata in questo terzo giorno di ritiro a Prato allo Stelvio. Agli ordini di D'Aversa, i gialloblù hanno composto due difese: la prima formata da Gagliolo e Iacoponi centrali, con il neoacquisto Laurini a destra e l'inedito Barillà a sinistra. La seconda con Minelli e Dermaku, tra gli ultimi arrivati, come coppia nel mezzo, coadiuvati da Gazzola a destra e il giovane Kasa a sinistra. Con Scozzarella e Stulac a lanciare per loro e a ricevere sulla trequarti i palloni respinti. I quattro portieri (compreso Dini che sembra ormai a un passo dal Trapani), hanno passato la mattinata con un lungo lavoro sulle palle alte. Per gli altri, invece, seconda parte passata in palestra.

LE PAROLE DI SEPE - Prima del rientro in campo Luigi Sepe ha incontrato la stampa, commentando così l'acquisto del cartellino da parte del Parma: “La società ha fatto tantissimo per me, ha fatto in modo che diventassi tutto del Parma e di questo sono contentissimo. Ho ringraziato tutti per questo premio che mi hanno dato dopo la stagione scorsa”. E su un possibile ritorno di Inglese: "Roberto lo sento tutti i giorni perché siamo amici, ma queste sono cose che non posso decidere io. Se avessi potuto scegliere io sarebbe già qui da quando abbiamo iniziato il ritiro”.

POMERIGGIO - Pomeriggio senza grandi corse ma con tantissimo pallone. Una lunga serie di torelli ha aperto la seduta pomeridiana, con i crociati che sono passati poi a delle partitelle a campo ridotto, sempre sotto la diretta supervisione di mister D'Aversa. Lavoro a parte, invece, per Bruno Alves e Fabio Ceravolo, con il primo maggiormente impegnato in palestra e il secondo sul campo.