La FIGC proroga i pagamenti dei mesi di giugno e luglio dei tesserati, ma il Parma sceglie di pagare in anticipo

12.11.2020 17:35 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
La FIGC proroga i pagamenti dei mesi di giugno e luglio dei tesserati, ma il Parma sceglie di pagare in anticipo
TUTTOmercatoWEB.com

Quando ad inizio ottobre la FIGC, nonostante il parere deciso e contrario dell'Assocalciatori, aveva deciso di prorogare il pagamento delle mensilità di giugno e luglio dei propri tesserati al 16 novembre, i club di Serie A avevano tirato un sospiro di sollievo: l'idea infatti era quella di alleggerire le spese e venire incontro ai club in questo momento difficile, tant'è che proprio qualche giorno fa la stessa proroga era stata nuovamente spostata al primo dicembre. La decisione interessava tutti coloro i quali ricevono uno stipendio lordo annuo superiore ai cinquantamila euro, e dopo essere stata approvata in Serie C, la FIGC ha deciso di proporla anche per la Serie A, nonostante il riscontro negativo portato dall'AIC e dal suo presidente Umberto Calcagno. 

Nonostante questo però, il Parma di Kyle Krause ha voluto comunque pagare in anticipo le mensilità ai propri tesserati, versando sia i due mesi di giugno e luglio, che le mensilità di agosto e settembre, come confermato da alcune fonti interne al club. Nonostante il periodo di grandi difficoltà economiche generale, il Parma dà un grande segnale a tutto il mondo calcistico, con una decisione non scontata e che dimostra grande solidità e stabilità per un club nuovo e dal futuro promettente.