Apolloni: "Un onore allenare il Parma. Scala conosceva i miei pregi e difetti"

11.06.2021 11:23 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
Apolloni: "Un onore allenare il Parma. Scala conosceva i miei pregi e difetti"
© foto di ParmaLive.com

In una lunga intervista concessa a Il Posticipo, Luigi Apolloni, ex calciatore e tecnico del Parma, si è soffermato sulle emozioni di sedere sulla panchina dei crociati, che rinati hanno deciso di puntare su di lui come tecnico: "Io vivo a Parma e per me è stato un onore allenare la squadra. Mi ha permesso di provare tutto sotto un altro punto di vista. In quegli anni si sono visti la genuinità dei parmigiani e l'amore che provavano nei confronti della squadra. Le mete di molte trasferte erano vicine. I nonni e i bisnonni dei tifosi ricordavano le gare che avevano seguito quando il Parma giocava nelle serie minori. Loro andavano al campo in bicicletta, altre volte in lambretta. Nel 2015 i tifosi più giovani hanno vissuto tutto questo in prima persona". 

Lei ha vissuto Nevio Scala allenatore prima e presidente poi: che rapporto c'è tra di voi?
"La seconda esperienza con Scala è una stata un'ulteriore prova per entrambi: abbiamo dimostrato di andare dalla stessa parte. Scala conosceva i miei pregi e i miei difetti. C'è stato un feeling importante. Condivido la stessa cosa con Lorenzo Minotti, diventato il responsabile dell'area tecnica del Parma nel 2015. Era stato il mio compagno di mille battaglie dalla Serie B alle vette raggiunte con Scala".