Krause a ESPN: "Parma una città fantastica e una grande opportunità"

18.09.2020 21:46 di Giuseppe Emanuele Frisone   Vedi letture
Krause a ESPN: "Parma una città fantastica e una grande opportunità"

Nel corso di una lunga intervista a ESPN, il nuovo presidente del Parma Kyle Krause ha affrontato diversi argomenti, esprimendo tutta la sua gioia per aver acquistato la società emiliana: "Possedere un club di Serie A è un sogno che si avvera, per me che sono italo-americano e adoro il calcio, soccer, football o comunque lo chiami. Il mio nome non è molto italiano? Questo è divertente: quando uscivo con mia moglie, mi ha chiesto la stessa cosa. Sì, sono italiano dalla parte della famiglia di mia madre, i miei bisnonni sono emigrati da Palermo. Da 25 anni possiedo i Des Moines Menace. Parma? L'idea è nata facendo un po' di indagine sul calcio italiano in generale, poi abbiamo visto che il Parma poteva essere una delle squadre in vendita: i soci lo hanno riportato in Serie A dalla Serie D con tre promozioni consecutive. È una città fantastica e una grande opportunità. La Serie A? Ho parlato con Saputo e Commisso, sono stati molto disponibili e mi hanno aiutato. Non ho ancora incontrato il mister: la decisione di affidarsi a Liverani è stata prima del nostro coinvolgimento, ma sostengo pienamente la loro decisione". 

Sulla questione stadio: "Ci sono complicazioni nel costruire stadi. Le nostre attività hanno realizzato costruzioni in Italia, non stadi, ma abbiamo un'idea del processo. Ma il governo ha recentemente modificato alcune leggi, riducendo i passaggi e gli ostacoli nel processo. Per quanto riguarda il nostro stadio, i nostri partner hanno già avviato il processo con la città per fare qualcosa con il Tardini. Stiamo per intervenire e andare avanti - indubbiamente, un significativo rinnovamento è ciò che speriamo. Penso che sia necessario".

Sulla figura del presidente: "Noi abbiamo una casa in Italia, a due ore da Parma, quanto saremo in città dipende dalla velocità con cui guidi. Abbiamo altri affari in Italia, io ci vado regolarmente. Sarò un fan di supporto, andrò a molte partite anche se non tutte. Non sarò il volto quotidiano della squadra, questo no, ma è una buona notizia, e lascerò che il nostro team dirigenziale gestisca la squadra. Si tratta di una passione, per me non è un puro investimento. E ho un figlio che andrà al Parma, e sarà coinvolto dalla parte dei giocatori in un ruolo aziendale. L'ultima partita a cui sono andato? Juventus-Milan, anche se non è stata la miglior partita di Cristiano Ronaldo".

Sulla possibilità di prendere il Palermo: "Sono un tifoso del Palermo da tanto, tanto tempo e sicuramente negli ultimi anni la mia curiosità si è stuzzicata. Ma l'opportunità a Parma era più attraente per me. Rimango un tifoso del Palermo e, sì, ci ho pensato di sfuggita, ma non ho mai perseguito attivamente nulla lì".