D'Aversa sulla squadra: "Iacoponi da valutare, per il resto tutti a disposizione"

30.01.2021 15:06 di Giuseppe Emanuele Frisone   Vedi letture
D'Aversa sulla squadra: "Iacoponi da valutare, per il resto tutti a disposizione"

Nella conferenza stampa alla vigilia di Napoli-Parma, l'allenatore del Parma Roberto D'Aversa ha parlato dei giocatori a sua disposizione, ma anche, più in generale, della situazione psicologica della sua quadra: "Nella lista dei convocati dobbiamo valutare le condizioni di Iacoponi, per il resto sono tutti a disposizione. A che punto siamo? Per far sì che siamo al 100% manca ancora un qualcosina, un risultato pieno. Se si va nello specifico, laddove qualcuno ha giocato pur senza allenamento ci vorrà tempo perché la condizione sia ottimale. Dobbiamo cercare di velocizzare, abbiamo fatto un punto in tre partite, dobbiamo lavorare per farci togliere soddisfazioni e lavorare affinché accada per ottenere il nostro obiettivo".

Come si dà la sterzata?
"E' normale che a livello mentale viene meno qualcosa. Contro la Sampdoria abbiamo visto a video le situazioni create e subite, la differenza sta nella determinazione che alla fine ti porta a fare un risultato positivo o meno. L'autostima non è al massimo, dobbiamo uscire dalla situazione, la maggior parte dei giocatori sono gli stessi. Dobbiamo resettare perché le negatività puoi portartele in campo, dobbiamo fare le cose positive per uscirne. Domani si incontra una squadra forte, che dieci giorni fa ha dato 6 gol alla Fiorentina. Ragioniamo su questo, le partite proibitive sul campo possono dire il contrario. Non mi interessano le difficoltà, dobbiamo andare in campo al 100%. Se il Napoli non andrà in campo al massimo perché non fare risultato? Sulla carta non esiste nulla, nel calcio niente è impossibile". 

Come cambia la gestione mentale?
"Non bisogna ragionare sul passato ma sulla nostra posizione di classifica che in questo momento ci vede retrocessi. Dobbiamo fare le cose senza assilli, ci sono difficoltà e se non affrontiamo le partite con "serenità", non possiamo permetterci di compromettere le partite andando in campo con il pensiero di non sbagliare. Non dobbiamo ripetere gli errori, se analizziamo la partita con la Samp, nel primo tempo abbiamo avuto tre palle gol e non abbiamo segnato e abbiamo preso due gol per cose concesse da noi".