Buffon: "Juve punita per cose che hanno commesso anche altri club. Pallone d'Oro senza logica"

14.06.2022 19:28 di Alessandro Tedeschi Twitter:    vedi letture
Buffon: "Juve punita per cose che hanno commesso anche altri club. Pallone d'Oro senza logica"

Gigi Buffon, portiere crociato, ha parlato ai microfoni di France Football, soffermandosi su diversi argomenti, come ad esempio le polemiche attorno alla Juventus: "È una squadra che ha sempre una spada di Damocle sopra la testa, è sempre al centro dell’attenzione in Italia sia da parte dei suoi sostenitori che dei suoi avversari. Quello che succede alla Juve fa sempre molto rumore. È stata accusata di molte cose, è stata spesso anche punita, più o meno per cose che anche altri club hanno commesso. E lo dico senza mettermi a difendere la squadra. Quando questo accade alla Juventus, tutti gli altri si nascondono dietro di lei perché sanno che è lei che scatena il clamore più forte”.

LEGGI QUI - Si complica il rinnovo di Chichizola con iI Perugia: il Parma segue interessato

Poi sul Pallone d'Oro: "Non c’è sempre una logica. Nel 2003 sono stato votato come il miglior giocatore della Champions League, una rarità per un portiere, e non sono finito nemmeno nella top 5 del trofeo. In ogni caso a me non interessano certi premi, però mi piace la meritocrazia perché è una cosa che fa parte dello sport. E spesso non la trovo. Inoltre, per me, la più grande ingiustizia intorno al Pallone d’Oro è stata quella subita da Andres Iniesta, che era forte come Maradona, Messi o Ronaldo".

LEGGI QUI - Chiellini: "Sono fortunato. A parte Buffon, solo Zoff ha fatto così tanti anni di Nazionale"

Infine una battuta sul Mondiale 2006 e l'episodio di Zidane: "Quando ho visto quello che era successo, l’ho segnalato al guardalinee con grida e gesti, è stato un avvenimento davvero sorprendente. Zidane era in forma e poteva cambiare la partita, per noi la sua espulsione fu una grande chance. È una partita che abbiamo giocato nel miglior modo possibile, la Francia era molto forte, probabilmente la più forte, bastava vedere il loro cammino. Solo una squadra con la nostra mentalità poteva vincere”.