PL - Budel: "Parma, avvio deludente e inaspettato. Ma può riprendersi"

06.10.2021 16:00 di Donatella Todisco   vedi letture
PL  - Budel: "Parma, avvio deludente e inaspettato. Ma può riprendersi"
TUTTOmercatoWEB.com

Ben 46 presenze e 3 reti con la maglia del Parma, in due periodi distinti: il primo in A con una storica salvezza al Dall'Ara contro il Bologna, il secondo in Serie B ma centrando subito la promozione. Alessandro Budel, ex centrocampista crociato, ha fatto il punto della situazione sul momento attuale del club emiliano in esclusiva ai nostri microfoni.

Ancora un pareggio, stavolta contro la SPAL. Che gara è stata dal tuo punto di vista? 
"Anche la SPAL è un'ottima squadra. Obiettivamente il Parma sta pareggiando tanto, mi aspettavo un avvio di campionato diverso visto che è reduce da due pareggi e due sconfitte. E' da tante partite che i crociati non riescono a vincere e questo dimostra che un po' di difficoltà ci sono. Sicuramente ci aspettavamo un approccio diverso a questo campionato".

La classifica inizia ad essere preoccupante: -10  dalla vetta, - 1 dai playoff ma solo +3 sui playout.
"Mi aspettavo che il Parma si trovasse con 4-5 punti in più in classifica, a ridosso del Pisa, della Cremonese, del Brescia o del Lecce. Ad esempio la squadra salentina non era partita bene ma poi si è ripresa nel corso del campionato. Il Parma, invece, non è riuscito a farlo".

Quali possono essere le cause di questa partenza in sordina dei gialloblù?
"Magari può dipendere dal fatto che molti giocatori non conoscono alla perfezione la categoria. La B è difficile. Ricordo che quando ero stato a Parma anche noi avevamo faticato a inizio campionato. Credo che però ci sia il tempo necessario per riprendersi. La squadra è forte e ha un allenatore esordiente ma con le idee ben chiare: ha tutto per far bene. Inoltre c'è una società importante alle spalle. Certo, ci vuole un po' di tempo, è normale che più passano le partite e tutto diventa più difficile. Credo che anche i giocatori esperti come Buffon, Vazquez e tanti altri possano dare una mano alla squadra".

Seconda espulsione di Vazquez in 7 giornate. Può fare veramente la differenza?
"Assolutamente, è un giocatore in grado di fare la differenza ed è un giocatore molto importante. Ha realizzato anche un gol nella partita contro la SPAL. Non mi aspettavo quella reazione eccessiva ma non voglio processarlo per quello che ha fatto. Sicuramente è un giocatore esperto, tecnico e carismatico che sarà in grado di trascinare il Parma".

Non è la prima volta che il Parma si fa rimontare. Fragilità difensiva o psicologica?
"Penso possa dipendere da un insieme di cose. E' al contempo vero che è un periodo che non gira bene. Il pareggio con la SPAL è stato rocambolesco: Colombo ha segnato un bel gol al 91'. Non ci aspettavamo questo recupero da parte della SPAL in pochi minuti. Indubbiamente c'è una fragilità difensiva e mentale: il Parma non vince da tante partite. C'è anche un po' di sfortuna come dimostrano la deviazione sulla punizione di Viviani dove non arriva Buffon e la palla che arriva esattamente a Colombo. Questo fa notare che nell'aria ci sia un po' di sfortuna per il Parma".

Che idea ti sei fatto su questa Serie B? 
"E' un campionato difficile. Ci sono tante squadre importanti che possono fare bene. Per questo il Parma deve tornare a correre e fare bene. C'è il Pisa capolista che è una novità e sta correndo parecchio, il Brescia che è una squadra forte, poi la Cremonese, il Lecce e il Benevento. Sono tutte squadre in grado di ambire alla Serie A. Non dimentico il Monza, anche la squadra lombarda sta andando piano e la stessa SPAL".

Maresca sta lavorando bene? 
"E' una delle prime esperienze di Maresca. Ci aspettavamo un avvio diverso ma sicuramente avrà modo di recuperare. Ha le idee ben chiare e si nota che capisce di calcio. E' un allenatore preparato. Sicuramente sta trovando delle difficoltà ma può trovare la chiave giusta per far risalire la squadra in classifica".

@ESCLUSIVA PARMALIVE - RIPRODUZIONE RISERVATA