Da chi deve ripartire il Parma? Pisanu: "Da chi dà passione", Di Chiara parla di obiettivi

@ESCLUSIVA PARMALIVE - RIPRODUZIONE RISERVATA
20.07.2020 21:08 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Cantini
Da chi deve ripartire il Parma? Pisanu: "Da chi dà passione", Di Chiara parla di obiettivi

Il periodo di crisi che sta vivendo il Parma apre molti scenari e molti interrogativi difficili da sciogliere. Come può la stessa squadra che ha impressionato per tre quarti del torneo aver avuto un calo così repentino? La redazione di ParmaLive.com ha deciso di contattare tre grandi ex crociati, Andrea Pisanu, Luigi Apolloni e Alberto Di Chiara e porre loro tre domande. Dopo la prima e la seconda, ecco l'ultima domanda, che si ricollega al discorso fatto ieri nel post partita dal Direttore Faggiano, che ha spiegato come tutti siano sotto valutazione in questo momento, lui compreso. E allora, da chi deve ripartire il Parma in vista della prossima stagione?

Andrea Pisanu: “Lo sfogo di Faggiano è figlio di un momento che vede la squadra un po’ rilassata, che pare senza obiettivi, e in Serie A non può succedere perché è un torneo difficile e perdi partite una dopo l’altra se non giochi con il coltello fra i denti. I giocatori da cui dovranno ripartire sono quelli che hanno voglia e credono nel progetto. Devono avere voglia di migliorare, di alzare l’asticella, e di credere in questa squadra e che si possa fare un salto in avanti. Giocatori demotivati o che non hanno più stimoli non vanno bene per il Parma, quando si inizia un progetto e si costruisce una stagione come quella che sarà bisogna ripartire da chi ti dà passione, credibilità e certezza, da gente che vuole continuare con il progetto”.

Luigi Apolloni: “Ieri il direttore Faggiano essendo parte dell’ambiente e conoscendo allenatore e giocatori e il loro umore ha usato parole forti ma è anche vero che ogni situazione è un esame per il prossimo anno, per ognuno. Lui ha voluto spronare la squadra, penso sia giusto così. Un giocatore per essere confermato deve dare continuità di prestazioni e di risultato. Poi chiaramente c'è chi è riuscito a dimostrare di più e chi meno, ma penso che questo sia nella normalità di una società: in base all’annata fare valutazioni e valutare se dare fiducia o meno”.

Alberto Di Chiara: “Ci sarà da individuare quali possano essere i giocatori. Il Parma dovrà cercare di trarre il meglio da ciò che si è fatto in questa stagione. Quest’anno Faggiano ha individuato giocatori importanti, al di là del mercato che si farà con alcuni giocatori che sono già praticamente andati. Dipende dall’ambizione. Il direttore ha fatto bene ad intervenire ieri e a dire ciò che ha detto, stimolando un ambiente che si era un pochino rilassato, e questa è una colpa anche di D’Aversa stesso che non è riuscito a trovare il modo di ripristinare la voglia di vincere. Io credo che le squadre si creino da un’ossatura importante, deve esserci una spina dorsale di qualità: il portiere, i difensori centrali, centrale di centrocampo e attaccante. Dovrà intervenire in quel senso ma ora dire quali possano essere gli interventi giusti non lo so, il Parma ha un’ossatura che quest’anno ha dimostrato di essere all’altezza e sulla base di questo Faggiano farà le sue valutazioni. Queste quattro partite serviranno a valutare quelli che potranno essere gli elementi validi per iniziare un nuovo capitolo il prossimo anno”.